Ligua dei segni appresa dalla classe: pregevole, ma ci sono reali criticità

Si è trattato, evidentemente, di un ” bel regalo di Natale” che permetterà alla ragazza di poter dialogare e confrontarsi con i compagni in un ambiente finalmente più inclusivo e sereno.
Tuttavia, tale pregevole iniziativa mi induce all’amara considerazione che, non di rado, i compagni degli studenti con disabilità del nostro Paese sono spinti ad apprendere la LIS od il Braille non solo per un encomiabile e lodevole spirito di solidarietà e di integrazione, ma anche e soprattutto in quanto “costretti” a causa della mancanza di conoscenze pedagogiche e didattiche adeguate sulle disabilità sensoriali da parte degli insegnanti di sostegno delle loro classi.

La scarsa formazione specifica dei docenti per il sostegno sul Braille e sulla LIS è innanzitutto imputabile all’attuale  esiguo numero degli alunni con disabilità uditiva e visiva (solo il 2,7% e l’1,6% rispetto al totale dei 235000 studenti italiani con disabilità).

Dai numeri di cui sopra, infatti, possiamo facilmente comprendere perché la preparazione fornita agli aspiranti docenti specializzati dagli Istituti di psicologia e di Scienze della Formazione delle Università italiane sia oggi sempre più “indifferenziata” e “generalista”, riducendo a sole poche ore od addirittura unità gli insegnamenti della lingua dei segni, del Braille, della CAA e della Tifloinformatica.

Inoltre, va considerato il fatto non trascurabile che, oggi, il 40% dei 120000 docenti per il sostegno sono “in deroga”, con incarichi precari e neanche abilitati al sostegno e che, prima di tali incarichi, nella maggioranza dei casi, non hanno mai avuto esperienze didattiche con allievi sordi e ciechi.
Ciò significa che quasi la metà dei docenti di sostegno italiani non è “specializzata” ed è priva di una formazione specifica.

La cosa più deludente è che, purtroppo, a quanto pare, neppure la nascitura Riforma dell’inclusione scolastica, preannunciata dal Governo del cambiamento nelle scorse settimane, muterà tale circolo vizioso di insufficienza ed inadeguatezza del nostro sistema, perché continuerà ad insistere colpevolmente soltanto sulla “centralità” del docente di sostegno, a trascurare l’atavico problema dei precari storici e della loro carente formazione specifica e, da ultimo ma non certo ultimo, a dimenticarsi ancora una volta dell’assoluta indifferibilità del “sostegno del contesto” (potenziamento dei CTS, creazione al loro interno di appositi “sportelli” dedicati alle singole disabilità, centri di consulenza pedagogica e didattica e riconoscimento giuridico della figura dell’assistente alla comunicazione).

E tutto questo in barba al principio del “sostegno diffuso”, sancito dalla nostra avanzatissima  legislazione scolastica, dal modello “bio-psico-sociale dell’ICF e dalla Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità, che sta alla base dell’autentica cultura dell’inclusione.
Consigliere della Federazione Nazionale delle Istituzioni Pro Ciechi

L’articolo Ligua dei segni appresa dalla classe: pregevole, ma ci sono reali criticità sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Sostegno – Handicap – Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Concorsi, Vacca (M5S): scelte diverse per la stabilizzazione allungano i tempi

Commenti disabilitati su Concorsi, Vacca (M5S): scelte diverse per la stabilizzazione allungano i tempi

Utilizzazione nella scuola di ex-titolarità: è prevista precedenza per docente trasferito a domanda condizionata

Commenti disabilitati su Utilizzazione nella scuola di ex-titolarità: è prevista precedenza per docente trasferito a domanda condizionata

A proposito dei furbetti del “potenziamento”. Lettera

Commenti disabilitati su A proposito dei furbetti del “potenziamento”. Lettera

MOF: firmato definitivamente il CCNI, assegnate economie a.s. 15/16

Commenti disabilitati su MOF: firmato definitivamente il CCNI, assegnate economie a.s. 15/16

Rientro a scuola e rischio psicosociale: insegnanti dovranno imparare a conoscere di nuovo alunni. Nota Emilia

Commenti disabilitati su Rientro a scuola e rischio psicosociale: insegnanti dovranno imparare a conoscere di nuovo alunni. Nota Emilia

Partito Democratico chiede eliminazione voto in decimi per primaria

Commenti disabilitati su Partito Democratico chiede eliminazione voto in decimi per primaria

“Priorità alla scuola”, manifestazioni n 16 piazze per dire no alla didattica a distanza

Commenti disabilitati su “Priorità alla scuola”, manifestazioni n 16 piazze per dire no alla didattica a distanza

Paritarie, finanziamenti per 105 mln di euro: infanzia 65 mln, primaria e secondarie 40 mln

Commenti disabilitati su Paritarie, finanziamenti per 105 mln di euro: infanzia 65 mln, primaria e secondarie 40 mln

Concorso dirigente scolastico, orale dal 20 maggio. Prova e rettifica sottocommissioni

Commenti disabilitati su Concorso dirigente scolastico, orale dal 20 maggio. Prova e rettifica sottocommissioni

Bonus cultura 500 euro, registrazioni dal 5 marzo su 18App per nati nel 2001

Commenti disabilitati su Bonus cultura 500 euro, registrazioni dal 5 marzo su 18App per nati nel 2001

Trasferimento da materia a sostegno: vincolo quinquennale sostegno e triennale scuola

Commenti disabilitati su Trasferimento da materia a sostegno: vincolo quinquennale sostegno e triennale scuola

BolognaFiere: spazi fiere chiuse possono diventare aule

Commenti disabilitati su BolognaFiere: spazi fiere chiuse possono diventare aule

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti