Libano, terra di diritti negati per le lavoratrici domestiche straniere

Sono 250 mila in tutto il paese, arrivano soprattutto da Sri Lanka, Etiopia, Filippine e Nepal. Il loro permesso di soggiorno è strettamente legato allo “sponsor”, cioè al datore di lavoro, che se ne approfitta sistematicamente: diritti negati, nessun salario minimo, zero vacanze e permessi. E il tasso di suicidi fra queste donne è fra i più alti

Leggi Tutto

Fonte redattoresociale.it – Ultime Notizie

Powered by WPeMatico

Facebook Comments
Vai alla barra degli strumenti