L’esperienza del coma vissuta come rinascita

Tornerà in scena nella serata di oggi, 6 maggio, a Bologna, il reading teatrale “Sento che ci sei”, realizzato da Fulvio De Nigris e tratto dall’omonimo libro in cui ha raccontato la storia del figlio Luca, il dramma del coma, dello stato vegetativo vissuto nel cambiamento e nella crescita, in una relazione che, nel limite indefinibile tra la vita e la morte, ha portato a far nascere, nel capoluogo emiliano, realtà importanti come l’Associazione degli Amici di Luca e la Casa dei Risvegli Luca De Nigris, struttura pubblica dedicata appunto alle persone con esiti di coma e alle loro famiglie

Leggi Tutto

Fonte Superando.it

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

Stefano

Related Posts

La musica di Ivan Dalia che supera ogni barriera e sostiene i diritti

Commenti disabilitati su La musica di Ivan Dalia che supera ogni barriera e sostiene i diritti

Ma è proprio giusto chiamarle Rare?

Commenti disabilitati su Ma è proprio giusto chiamarle Rare?

Un altro Comune condannato “per barriere”

Commenti disabilitati su Un altro Comune condannato “per barriere”

Riflessioni sulla didattica a distanza, sull’inclusione e su ciò che servirebbe

Commenti disabilitati su Riflessioni sulla didattica a distanza, sull’inclusione e su ciò che servirebbe

In Abruzzo sbloccati i fondi per le barriere abbattute negli edifici privati

Commenti disabilitati su In Abruzzo sbloccati i fondi per le barriere abbattute negli edifici privati

Servono risposte concrete ai bisogni delle persone sordocieche

Commenti disabilitati su Servono risposte concrete ai bisogni delle persone sordocieche

La musica, che sa riunire tante diversità

Commenti disabilitati su La musica, che sa riunire tante diversità

Ascoltare quel silenzio che urla

Commenti disabilitati su Ascoltare quel silenzio che urla

La sessualità “ingabbiata” delle persone con disabilità cognitiva e mentale

Commenti disabilitati su La sessualità “ingabbiata” delle persone con disabilità cognitiva e mentale

C’è poco, per le fasce deboli, nei progetti del Piemonte per il “Recovery Plan”

Commenti disabilitati su C’è poco, per le fasce deboli, nei progetti del Piemonte per il “Recovery Plan”

Dalle città invisibili alle città inclusive

Commenti disabilitati su Dalle città invisibili alle città inclusive

Come se non esistesse l’assistente all’autonomia e comunicazione

Commenti disabilitati su Come se non esistesse l’assistente all’autonomia e comunicazione

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti