LEBBRA SECCA

«Io, che ho sentito il tuo dolore, non potrò mai più farti del male»
Maria Grazia Calandrone
 
«Ma il mio amore non smette»
Maria Grazia Calandrone
 
 
Non toccarmi, non sono questa cenere
né la salvezza
della carne viva
non la rosa
ma il canto
di una cosa.
 

leggi tutto

Leggi Tutto

Fonte

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

portaleducatori

Related Posts

VITTIME: Trump e Gerusalemme Capitale

Commenti disabilitati su VITTIME: Trump e Gerusalemme Capitale

CI SONO FILOSOFI, NON C’É LA FILOSOFIA; sugli ultimi pampleth di Levy e Agamben

Commenti disabilitati su CI SONO FILOSOFI, NON C’É LA FILOSOFIA; sugli ultimi pampleth di Levy e Agamben

VOCI DAL SILENZIO

Commenti disabilitati su VOCI DAL SILENZIO

ANGELO MALINCONICO

Commenti disabilitati su ANGELO MALINCONICO

Lucia Monterosa

Commenti disabilitati su Lucia Monterosa

Lacan Altri scritti

Commenti disabilitati su Lacan Altri scritti

L’OCCHIO: COLUI CHE VEDE

Commenti disabilitati su L’OCCHIO: COLUI CHE VEDE

Acque strette – Julien Gracq

Commenti disabilitati su Acque strette – Julien Gracq

La lezione della nostalgia: addio Jean Starobinski, psichiatra e umanista

Commenti disabilitati su La lezione della nostalgia: addio Jean Starobinski, psichiatra e umanista

Il succo di pompelmo interferisce con alcuni farmaci

Commenti disabilitati su Il succo di pompelmo interferisce con alcuni farmaci

PROSTITUZIONE E NOSTALGIA

Commenti disabilitati su PROSTITUZIONE E NOSTALGIA

“Perversione”: comprensione empatica versus moralismo nell’intuizione di Dostoevskij

Commenti disabilitati su “Perversione”: comprensione empatica versus moralismo nell’intuizione di Dostoevskij

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti