Le mie parti buone e quelle cattive

“Mio Creatore, ora voglio che Tu diventi il Signore di tutto il mio essere,
delle mie parti buone e di quelle cattive.”

Alcolisti Anonimi, pag. 75

La gioia di vivere è nel dare. Il fatto che io sia stato liberato da alcuni difetti
e possa mettermi più volentieri al servizio degli altri, non fa che accrescere la mia
umiltà. altri miei limiti possono essere messi umilmente nelle mani di Dio e poi
rimossi. L’essenza del Settimo Passo è l’umiltà e non c’è modo migliore di perseguire
l’umiltà che quello di dare tutto me stesso – le mie parti buone e quelle cattive –
a Dio, in modo che Egli possa restituirmi le prime ed eliminere la seconde.

Leggi Tutto

Fonte Riflessioni – Alcolisti Anonimi

Powered by WPeMatico

Facebook Comments
Vai alla barra degli strumenti