Le classi pollaio vanno eliminate subito. Lettera

Fatto sta che tra le cause maggiori del decremento demografico e la persistente crisi economica del Paese che si ripercuote in modo duro sulle famiglie e sull’impossibilità di una sicurezza per il futuro impedisce di mettere al mondo dei figli.

La crisi economica, la disoccupazione, i contratti a tempo determinato delle giovani coppie non garantiscono affatto un futuro buono per la scuola.

Le ripercussioni per gli anni a venire saranno drammatiche e si faranno sentire in tutto il territorio nazionale.

Il termometro sarà la scuola dell’infanzia e soprattutto la scuola primaria dove col calo delle nascite, le iscrizioni diminuiranno drasticamente con una cancellazione delle classi e un conseguente esubero dei docenti.

Tra le misure da adottare, ovviamente, c’è l’eliminazione delle classi pollaio. Non si può più agire su una formazione delle classi da oltre 30 alunni e soprattutto tra classi scelte e classi ghetto. La situazione cogente non permetterà più la formazione di classi di livello alto e non. Gli alunni andranno equamente distribuiti tra le diverse sezioni e classi. Il decremento demografico porterà alla nascita di nuovi istituti comprensivi in linea verticale (infanzia, primaria, secondaria di I grado e secondaria di II grado). Incominciamo a ragionare in questi termini e il MIUR trovi le soluzioni giuste per affrontare questo problema divenuto impellente e non più procrastinabile.

L’articolo Le classi pollaio vanno eliminate subito. Lettera sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Gissi (CISL): sul contratto i tempi dipendono dai contenuti, difficile chiudere in poche ore

Commenti disabilitati su Gissi (CISL): sul contratto i tempi dipendono dai contenuti, difficile chiudere in poche ore

Renzi: bonus 500 euro cultura anche per giornali online

Commenti disabilitati su Renzi: bonus 500 euro cultura anche per giornali online

Elezioni RSU ad aprile, Anief: pronti a diventare rappresentativi. Difenderemo i diritti del personale di ruolo e non

Commenti disabilitati su Elezioni RSU ad aprile, Anief: pronti a diventare rappresentativi. Difenderemo i diritti del personale di ruolo e non

Pensioni dal 1° settembre 2020, 33.886 docenti e ATA. I dati per provincia, aggiunta Cosenza

Commenti disabilitati su Pensioni dal 1° settembre 2020, 33.886 docenti e ATA. I dati per provincia, aggiunta Cosenza

Iscrizioni, Polin: scegliete bene, mancano 70.000 specialisti in Veneto

Commenti disabilitati su Iscrizioni, Polin: scegliete bene, mancano 70.000 specialisti in Veneto

PON, Avviso progetti messi in sicurezza e riqualificazione scuole: 5 ottobre apertura servizio accreditamento Enti locali

Commenti disabilitati su PON, Avviso progetti messi in sicurezza e riqualificazione scuole: 5 ottobre apertura servizio accreditamento Enti locali

Graduatoria interna di istituto: ecco quando si assegnano 5 punti per i corsi di perfezionamento biennali

Commenti disabilitati su Graduatoria interna di istituto: ecco quando si assegnano 5 punti per i corsi di perfezionamento biennali

CoNaVinCoS: prima di qualsiasi sanatoria, assumere noi vincitori del concorso 2016

Commenti disabilitati su CoNaVinCoS: prima di qualsiasi sanatoria, assumere noi vincitori del concorso 2016

Coronavirus, scarica testo decreto fase 2. Conte: sì concorsi a cattedra, no apertura scuola. Aumenterebbero contagi

Commenti disabilitati su Coronavirus, scarica testo decreto fase 2. Conte: sì concorsi a cattedra, no apertura scuola. Aumenterebbero contagi

Comitato “NOPAS”: vogliamo On. Azzolina (M5S) al Miur

Commenti disabilitati su Comitato “NOPAS”: vogliamo On. Azzolina (M5S) al Miur

Messa a Disposizione 2019: Questo è il momento Giusto. Al via con le Mad per il nuovo anno Scolastico. Doocenti.it

Commenti disabilitati su Messa a Disposizione 2019: Questo è il momento Giusto. Al via con le Mad per il nuovo anno Scolastico. Doocenti.it

Coronavirus: insegnanti a casa causa emergenza, facciamoci rispettare. Lettera

Commenti disabilitati su Coronavirus: insegnanti a casa causa emergenza, facciamoci rispettare. Lettera

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti