L’arte di insegnare in scuole difficili. Lettera

Delle scuole in cui devi reinventarti continuamente, in cui non c’è tempo per innamorarti delle tua materia, della sua condivisione all’interno di un reciproco scambio umano, in cui devi mettere da parte profondità d’intenti e di ideali. Ci sono scuole in cui fare lezione nel senso vero e nobile del termine non è sempre facile, alle volte è come un traguardo, alle volte risulta impossibile. Sono cresciuta con l’Institutio oratoria di Quintiliano, con Tacito e Omero, con le “belles lettres” di un ideale e gentile percorso umanistico, a contatto con la purezza della parola, con la dignità del pensiero, con l’impegno e l’onestà della prova, con l’umanità della cultura nella sua valenza formativa umana e morale.

Ci sono scuole invece in cui l’abbrutimento del materialismo della nostra società rende il nostro lavoro simile ad una missione. Scuole difficili, che per alcuni possono essere l’ultima possibilità per avvicinarsi al mondo della cultura e trovare la propria strada, che per altri sono un parcheggio, un diversivo mattutino per occupare il tempo e basta. Non è semplice, perchè in queste scuole non conta insegnare e basta, ma il più delle volte è necessario disciplinare, educare, scolarizzare, portare e diffondere legalità, regole di vita civile, modelli di cittadinanza, regole di civile convivenza.

È difficile perchè per dare contenuti a questi ragazzi non basta soltanto insegnare. Ci vuole una forza continua. Un vocabolario che per i più è incomprensibile. L’errore è adeguarsi, abbassare le aspettative. Lo diceva anche Gramsci che non tutto quello che è complesso deve essere semplificato. Che spesso semplificazione equivale ad una banalizzazione degli insegnamenti. Sono esigente, lo so, forse anche un’illusa, ma ci sono scuole in cui il romanticismo del nostro mestiere lascia spazio alla cruda realtà del mondo reale. Ed è qui che l’istruzione deve fare davvero la differenza.

Ma in che modo? Non dimentico mai di guardare negli occhi i miei alunni, di pensare alle loro insicurezze, alle fragilità dell’ età adolescenziale, a quello che potrebbero dare loro a me, in termini di arricchimento umano e professionale. È necessario che la scuola sia davvero un’istituzione, che il docente sia un punto stabile di riferimento, che la didattica sia davvero didattica, intesa come formazione umana e sociale, perchè solo così la cultura, con i suoi contenuti, ha il terreno fertile per tirare fuori il meglio da ognuno di noi.

L’articolo L’arte di insegnare in scuole difficili. Lettera sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Come valutare i progetti scolastici, una proposta

Commenti disabilitati su Come valutare i progetti scolastici, una proposta

Didattica a distanza, non possiamo addebitare costi internet a studenti! Lettera

Commenti disabilitati su Didattica a distanza, non possiamo addebitare costi internet a studenti! Lettera

Didattica a distanza, PSP e SBC: Ministero non chiarisce doveri studenti e richiama esperienze scuole

Commenti disabilitati su Didattica a distanza, PSP e SBC: Ministero non chiarisce doveri studenti e richiama esperienze scuole

Scuola a casa con Rai: tutta la programmazione delle lezioni per primaria e secondaria I e II grado

Commenti disabilitati su Scuola a casa con Rai: tutta la programmazione delle lezioni per primaria e secondaria I e II grado

Prima dei concorsi svuotare le GaE. Lettera

Commenti disabilitati su Prima dei concorsi svuotare le GaE. Lettera

Diplomati magistrale in GaE. D’Onghia “Va verificata la preparazione con un corso di formazione”

Commenti disabilitati su Diplomati magistrale in GaE. D’Onghia “Va verificata la preparazione con un corso di formazione”

Bellanova, la ministra senza diploma che esorta i ragazzi allo studio

Commenti disabilitati su Bellanova, la ministra senza diploma che esorta i ragazzi allo studio

Reclutamento, Gallo (M5S): decreto d’urgenza per stabilizzazione

Commenti disabilitati su Reclutamento, Gallo (M5S): decreto d’urgenza per stabilizzazione

Sulle cattedre DAD. Lettera

Commenti disabilitati su Sulle cattedre DAD. Lettera

Azzolina diventa Ministro, ad annunciarlo Conte durante la conferenza stampa di fine anno

Commenti disabilitati su Azzolina diventa Ministro, ad annunciarlo Conte durante la conferenza stampa di fine anno

Concorsi, Vacca (M5S): scelte diverse per la stabilizzazione allungano i tempi

Commenti disabilitati su Concorsi, Vacca (M5S): scelte diverse per la stabilizzazione allungano i tempi

Affitto casa, fuori sede e misure disoccupati: cosa non prevede il Decreto Cura Italia

Commenti disabilitati su Affitto casa, fuori sede e misure disoccupati: cosa non prevede il Decreto Cura Italia

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti