L’antenata Lucy morì “cadendo da un albero”. Il più famoso ominide sapeva “camminare eretta e perfino correre”

L’antenata Lucy morì “cadendo da un albero”. Il più famoso ominide sapeva “camminare eretta e perfino correre”

Commenti disabilitati su L’antenata Lucy morì “cadendo da un albero”. Il più famoso ominide sapeva “camminare eretta e perfino correre”

Il più celebre antenato dell’uomo, l’ominide Lucy, è morta cadendo da un albero, schiantandosi a terra da un’altezza di oltre 12 metri. Della specie Australopitecus arafensis era in grado di camminare in posizione eretta e poteva anche correre. E’ questo il nuovo tassello nella storia degli antenati del genere umano che emerge dall’analisi dello scheletro di Lucy, vissuta 3,18 milioni di anni fa, i cui resti sono stati scoperti nell’attuale Etiopia nel 1974. La scoperta è stata pubblicata dalla rivista Nature, che ha riportato gli studi iniziati nel 2008 e effettuati dai ricercatori coordinati da John Kappelman, dell’Università del Texas di Austin, analizzando le fratture dei resti di Lucy. La ricerca scientifica scrive un capitolo della storia dell’uomo perché conferma indirettamente che questi nostri progenitori vivevano sugli alberi, pur essendo capaci di camminare in posizione eretta, ponendo così fine ad un annoso dibattito.

Utilizzando la Tac (Tomografia assiale computerizzata) sono stati analizzati i resti fossili di cranio, costole, spina dorsale, mani, bacino e piedi, realizzando un archivio digitale di oltre 35mila immagini. Il confronto con fratture simili di individui moderni ha indicato diverse anomalie, indicando l’impatto da una considerevole altezza, probabilmente la conseguenza di una caduta: un’ipotesi coerente sia con la gravità delle fratture rilevate in più ossa, sia con il contesto in cui sono state ritrovate.

Il confronto con altri fossili e individui moderni ha fatto emergere diverse anomalie nelle fratture delle braccia, della caviglia destra, del ginocchio sinistro e del bacino, indicando l’impatto da una considerevole altezza, probabilmente la conseguenza di una caduta. “Sono tutte chiare indicazioni di un grave trauma, che fa ritenere plausibile una caduta. Senza alcuna traccia di guarigione, si può presumere che le fratture siano avvenute al momento della morte o poco prima”, commenta Kappelman. Un’ipotesi coerente sia con la gravità delle fratture rilevate in più ossa, sia con il contesto in cui sono state ritrovate. Con il suo metro di altezza e 27 chilogrammi di peso, probabilmente – sostengono i ricercatori – si arrampicava sugli alberi alla ricerca di cibo e di un rifugio per la notte. L’ipotesi è che Lucy sia caduta con un tremendo impatto, visto che nella caduta aveva raggiunto la velocità di oltre 56 chilometri orari.

L’articolo L’antenata Lucy morì “cadendo da un albero”. Il più famoso ominide sapeva “camminare eretta e perfino correre” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Facebook Comments

F. Q.

Related Posts

Genetica, banca dati con Dna centenari sardi: “Sparite alcune provette”

Commenti disabilitati su Genetica, banca dati con Dna centenari sardi: “Sparite alcune provette”

Anche gli atomi “obbediscono” a gravità come nell’esperimento di Galileo

Commenti disabilitati su Anche gli atomi “obbediscono” a gravità come nell’esperimento di Galileo

Il popolo cantato da Omero? L’analisi del Dna dimostra che arrivava anche dall’Iran e dal Caucaso

Commenti disabilitati su Il popolo cantato da Omero? L’analisi del Dna dimostra che arrivava anche dall’Iran e dal Caucaso

Vaccini, notizie contraddittorie e mania di “parcondicionare” la scienza: il libro che spiega la resistenza della società italiana

Commenti disabilitati su Vaccini, notizie contraddittorie e mania di “parcondicionare” la scienza: il libro che spiega la resistenza della società italiana

Usa, “super soldati con la stimolazione elettrica del cervello”

Commenti disabilitati su Usa, “super soldati con la stimolazione elettrica del cervello”

Retinite pigmentosa, con tecnica taglia-incolla del Dna salvati topi dalla cecità

Commenti disabilitati su Retinite pigmentosa, con tecnica taglia-incolla del Dna salvati topi dalla cecità

Parma, non era facile per i colleghi di Fanelli accorgersi della frode

Commenti disabilitati su Parma, non era facile per i colleghi di Fanelli accorgersi della frode

Premio Nobel per la Chimica 2016 a Sauvage, Stoddart and Feringa per studi sulle macchine molecolari

Commenti disabilitati su Premio Nobel per la Chimica 2016 a Sauvage, Stoddart and Feringa per studi sulle macchine molecolari

Matteo Renzi, Nature: “Scienziati italiani non rimpiangono la fine del suo governo. Nessun impegno concreto per la ricerca”

Commenti disabilitati su Matteo Renzi, Nature: “Scienziati italiani non rimpiangono la fine del suo governo. Nessun impegno concreto per la ricerca”

Stephen Hawking e il sogno di un viaggio nello spazio: “Ho detto subito sì”

Commenti disabilitati su Stephen Hawking e il sogno di un viaggio nello spazio: “Ho detto subito sì”

Indice di sazietà, ecco i neuroni e cibi che ci fanno sentire appagati

Commenti disabilitati su Indice di sazietà, ecco i neuroni e cibi che ci fanno sentire appagati

Atrofia muscolare spinale, le famiglie: “Il nuovo farmaco apre nuova era. Non è più malattia mortale se presa in tempo”

Commenti disabilitati su Atrofia muscolare spinale, le famiglie: “Il nuovo farmaco apre nuova era. Non è più malattia mortale se presa in tempo”

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti