L’ambulatorio che accoglie stranieri senza tessera sanitaria e homeless italiani

Nel 1993 erano circa 300 i pazienti dell’ambulatorio gestito da medici e infermieri volontari dell’associazione Sokos di Bologna. Oggi fanno 6/7 mila visite all’anno. Molti tornano anche dopo la regolarizzazione. Perché come racconta il direttore sanitario Natalia Ciccarello: “Qui si sentono ascoltati e accolti”

Leggi Tutto

Fonte redattoresociale.it – Ultime Notizie

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

redattoresociale.it - Ultime Notizie

Related Posts

La coperta di Daniela, un anno intero per cucire un sogno

Commenti disabilitati su La coperta di Daniela, un anno intero per cucire un sogno

Giornata malattie rare, Mattarella: ricerca e investimenti adeguati

Commenti disabilitati su Giornata malattie rare, Mattarella: ricerca e investimenti adeguati

New York sottozero: la metro diventa riparo mobile per i senzatetto

Commenti disabilitati su New York sottozero: la metro diventa riparo mobile per i senzatetto

“Sfebbramamma”, volontari in aiuto dei genitori: accoglienza per i baby indisposti

Commenti disabilitati su “Sfebbramamma”, volontari in aiuto dei genitori: accoglienza per i baby indisposti

Guatemala. Nuevo Horizonte, dalla guerriglia alla lotta politica

Commenti disabilitati su Guatemala. Nuevo Horizonte, dalla guerriglia alla lotta politica

Povertà, lavoro, ambiente: “Persa la sfida dello sviluppo sostenibile”

Commenti disabilitati su Povertà, lavoro, ambiente: “Persa la sfida dello sviluppo sostenibile”

Gori: “Spezzare il legame tra non autosufficienza e impoverimento”

Commenti disabilitati su Gori: “Spezzare il legame tra non autosufficienza e impoverimento”

Belluno, un corto per raccontare la tempesta

Commenti disabilitati su Belluno, un corto per raccontare la tempesta

Entro settembre la decisione sul numero dei Centri di servizio

Commenti disabilitati su Entro settembre la decisione sul numero dei Centri di servizio

Essere donna e cooperante: più fatica nel rapporto con le autorità locali

Commenti disabilitati su Essere donna e cooperante: più fatica nel rapporto con le autorità locali

“Non chiamatela assassina”: appello della mamma di un ragazzo disabile

Commenti disabilitati su “Non chiamatela assassina”: appello della mamma di un ragazzo disabile

“Tornando a casa”: in uno spot le associazioni immaginano il Dopo di noi

Commenti disabilitati su “Tornando a casa”: in uno spot le associazioni immaginano il Dopo di noi

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti