La Tua volontà, non la mia

… quando facciamo delle richieste ben precise, sarà bene aggiungere a ciascuna questa riserva: “… se questa è la Tua volontà”.

DODICI PASSI E DODICI TRADIZIONI, pag. 148

Chiedo semplicemente che Dio, per l’intera giornata, mi faccia capire al meglio la Sua volontà e mi dia la grazia necessaria per compierla, per oggi. Quando sono alle pre­se con situazioni da affrontare e decisioni da prendere, durante il giorno posso fermarmi e rinnovare la semplice richiesta: “Sia fatta la Tua volontà, non la mia”.

Devo sempre tenere a mente che in ogni circostanza sono io responsabile dello sforzo e Dio del risultato. Pos­so “lasciar andare e lasciar fare a Dio”, ripetendo umil­mente: “Sia fatta la Tua volontà, non la mia”. La pazien­za e la costanza nel cercare ciò che Lui vuole per me mi libererà dalle pene dovute ad aspettative egoistiche.

Leggi Tutto

Fonte Riflessioni – Alcolisti Anonimi

Powered by WPeMatico

Facebook Comments
Vai alla barra degli strumenti