La tentazione dello spazio: L’estetica dell’“inorganico” e il senso di mancanza

Immagine: 

Dialogo con Silvia Vizzardelli
 
Sarantis Thanopulos “Silvia, nel tuo libro scritto con Valentina De Filippis, “La tentazione dello spazio” (Orthotes), si parla di una forma artistica che obbedisce a una spinta verso l’inerzia, l’“ inorganico psichico”. Dell’arte come radicale rinuncia all’intenzionalità fondata sullo slancio vitale.

leggi tutto

Leggi Tutto

Fonte

Powered by WPeMatico

Facebook Comments
Vai alla barra degli strumenti