La scuola è espressione del desiderio di vita, il cui compito è costruire una fratellanza non biologica

Il fratello Abele, che fa capire per la prima volta a Caino, “il primo figlio unico in assoluto”, che non le attenzioni non sono rivolte più soltanto su di lui. Che ci sono gli altri, i suoi fratelli. I suoi compagni di classe, aggiungiamo noi. Il gesto di Caino è il titolo della lezione magistrale tenuta dallo psicanalista Massimo Recalcati a Carpi nella tre giorni modenese (Modena, Carpi, Sassuolo) dell’affollatissimo Festival della Filosofia. Affollatissimo di gente che arriva da ogni parte d’Italia, assetata di sapere e di riflessione, affollatissima di gente comune e di insegnanti ma soprattutto di ragazzi e di ragazze con penna, taccuino e zainetto in spalla.

“Ai nostri figli a scuola – spiega Recalcati – s’insegnano solo i conflitti tra popoli, Raramente, nella storia che si racconta a scuola, si studiano i momenti di pace”. Ma veniamo al gesto di Caino. “La figura di Caino è un’eredità scabrosa”, sottolinea Recalcati.

“Nulla di tale nel mondo animale. È un errore pensare a una regressione animale. Lo scandalo di Caino che uccide Abele ci pone di fronte allo scandalo del fatto che la violenza non è una regressione alla condizione animale ma è qualcosa che definisce propriamente l’umano. Non esiste nel mondo animale la crudeltà e la violenza che esiste nell’esercizio della violenza nel mondo umano e dunque è una scorciatoia quella di pensare che la violenza umana sia una regressione alla violenza animale. Piuttosto dobbiamo pensare che il crimine appartiene all’umano  anzi che l’umano porta con sè una spinta al crimine e quindi noi portiamo con noi stessi la tentazione di Caino”.

Questo significa che la fratellanza non è un dato di natura, è il pensiero di Recalcati: “Gli esseri umani non sono naturalmente altruistici, non sono esseri sociali come pensava Aristotele. La psicoanalisi mette in luce il fatto che c’è fondamentalmente nell’uomo una spinta alla sopraffazione e all’affermazione di sè che oltrepassa anche il limite, il confine del fratricidio. Dunque, se la fratellanza non è un dato di natura, non è un fenomeno legato al sangue, anzi si può uccidere colui che  ha il mio stesso sangue, c’è da pensare che la fratellanza è un processo molto più complesso, una costruzione culturale che passa attraverso il senso di colpa, il senso di responsabilità, la parola”.

Ecco, allora il ruolo della scuola.  “Costruire una fratellanza non biologica è compito della scuola, come luogo di espressione del desiderio di vita e non solo come luogo di distribuzione di informazioni”. È un luogo di cura, “si prende cura della vita, emancipa la vita dalla cultura di morte”, aveva detto qualche giorno prima agli insegnanti e agli studenti dell’Istituto tecnico commerciale Teglia, della Valpolcevera, situato non lontano dal ponte Morandi di Genova. “Non bisogna mai confondere i volti con i numeri.

La scuola dovrebbe presidiare la differenza tra il numero e il volto, quando si giudicano i ragazzi, si giudicano le loro storie. Certo riducendo la scuola ad azienda, tutto questo diventa difficile. Ma quando un figlio va a scuola, fa l’esperienza di Abele più che a casa. Fa esperienza della prova. La prova, cioè di un percorso di formazione attraverso il quale si può misurare l’atto e la conseguenza. Ho studiato e dunque sono in grado di riferire ciò che ho studiato. Anche l’eventuale ingiustizia, ad esempio nella valutazione, è una prova.

Una vita senza prova, custodita nella bambagia, è una vita che non fa l’esperienza della prova. Io sono spesso uno specialista di bocciature, ma i fallimenti sono luoghi di formazione fondamentali”. E qui Recalcati regala ai presenti il ricordo di alcune pagine intense del bel libro “L’ora di lezione”, un testo che ogni insegnante dovrebbe già aver letto: “Ero stato un bambino considerato idiota, fui bocciato in seconda elementare perché giudicato incapace di apprendere. Quando cerco di insegnare qualcosa, è a lui che mi riferisco.” E ancora: “Andavo lento e ora mi rimproverano di andare veloce”.

L’articolo La scuola è espressione del desiderio di vita, il cui compito è costruire una fratellanza non biologica sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Studente di tredici anni si lancia dal balcone, gesto forse legato a brutti voti

Commenti disabilitati su Studente di tredici anni si lancia dal balcone, gesto forse legato a brutti voti

Stipendio dirigenti scolastici, errori nel calcolo degli arretrati. ANP chiede incontro al Miur

Commenti disabilitati su Stipendio dirigenti scolastici, errori nel calcolo degli arretrati. ANP chiede incontro al Miur

Trasferimento su cattedra orario esterna: si sceglie la sede principale, ma non quella di completamento

Commenti disabilitati su Trasferimento su cattedra orario esterna: si sceglie la sede principale, ma non quella di completamento

On. Peppe De Cristofaro, sottosegretario MIUR : la mia prima uscita pubblica dedicata all’ascolto

Commenti disabilitati su On. Peppe De Cristofaro, sottosegretario MIUR : la mia prima uscita pubblica dedicata all’ascolto

Riforma sostegno, formazione personale docente e ATA

Commenti disabilitati su Riforma sostegno, formazione personale docente e ATA

Coronavirus, Feder.A.T.A: non tutti i Dirigenti scolastici rispettano le normative

Commenti disabilitati su Coronavirus, Feder.A.T.A: non tutti i Dirigenti scolastici rispettano le normative

I sindacati trentini: più soldi per docenti e ATA o sarà sciopero

Commenti disabilitati su I sindacati trentini: più soldi per docenti e ATA o sarà sciopero

Lettera di una neo dirigente: ognuno combatte la sua battaglia

Commenti disabilitati su Lettera di una neo dirigente: ognuno combatte la sua battaglia

Bussetti: parlerà dell’accaduto con docente sospesa

Commenti disabilitati su Bussetti: parlerà dell’accaduto con docente sospesa

Detrazione trasporto pubblico 730: quale tetto per due coniugi

Commenti disabilitati su Detrazione trasporto pubblico 730: quale tetto per due coniugi

Bozze GPS e graduatorie istituto, FdI: inverosimile il cambio della valutazione titoli dopo 13 anni

Commenti disabilitati su Bozze GPS e graduatorie istituto, FdI: inverosimile il cambio della valutazione titoli dopo 13 anni

Educazione Civica dibattito al Senato inizia il 13 giugno

Commenti disabilitati su Educazione Civica dibattito al Senato inizia il 13 giugno

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti