La Regione Lazio scopre il territorio. Veramente?

regionelazioIl 2020 sarà per la Regione Lazio l’anno della salute mentale.

Dobbiamo passare ad un sistema che punti al potenziamento della rete dei servizi territoriali e quindi anche alle tematiche legate alla salute mentale.

Questa è la sfida che si ha davanti e che è stata inserita nei nuovi programmi operativi. Si sta facendo uno sforzo importante che passa per il potenziamento della Rete delle REMS, dove a breve si avranno ulteriori 20 posti letto.

Si sta migliorando e implementando la rete degli SPDC (Servizio psichiatrico di diagnosi e cura) con particolare riferimento alle crescenti patologie nell’età evolutiva ed adolescenziale e potenziando gli organici.

Lo ha annunciato l’assessore alla Sanità e integrazione sociosanitaria della Regione Lazio Alessio D’Amato, che questa mattina, accompagnato dal Rettore dell’Università di Tor Vergata, professor Orazio Schillaci, dal professor Alberto Siracusano e dalla professoressa Cinzia Niolu (Presidente regionale SIP), ha effettuato una visita presso l’SPDC di Tor Vergata.

[di Salute Lazio, fonte Facebook]

Di Franco Rotelli

La dichiarazione dell’assessore alla sanità del Lazio D’Amato che, a proposito di potenziamento dei servizi territoriali in tema di salute mentale, cita nuove REMS e nuovi SPDC da allestire, si commenta da sé. Ma, in fondo, perché non lanciare l’idea, anche per contrastare la crisi dell’edilizia, di costruire un nuovo, grande, bellissimo Ospedale Psichiatrico Territoriale? Non sarebbe meraviglioso in quest’anno 2020 che si vuole dedicare alla Salute Mentale?

La vera domanda che ci si pone è però come possa il Presidente/Segretario Zingaretti continuare ad immaginare che i servizi di salute mentale della sua Regione e di Roma in particolare si riducano a posti letto (più privati che pubblici) e interpretare così la legislazione italiana che, invece, grazie alle forze progressiste di questo paese, ha proposto e propone e richiede ben altro per le persone e le comunità con così vasti problemi di salute mentale?

Delegare così la più importante attività della sua regione? Se pensiamo che lo sviluppo dei servizi territoriali di salute mentale significhi altri posti letto invece che veri servizi territoriali di comunità, di che cultura siamo portatori?

Caro Presidente, non vogliamo fare qualcosa per cominciare a invertire la rotta? O dobbiamo sempre sentirci dire che a Roma tutto è impossibile e basta?

Con stima e per stima.

Franco Rotelli

Leggi Tutto

Fonte forumsalutementale.it

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

portaleducatori

Related Posts

Riflessioni attorno alla Legge 180

Commenti disabilitati su Riflessioni attorno alla Legge 180

40#180: GORIZIA 1961. Con Antonio Slavich, là dove tutto ebbe inizio

Commenti disabilitati su 40#180: GORIZIA 1961. Con Antonio Slavich, là dove tutto ebbe inizio

Ennio, ortolano coraggioso

Commenti disabilitati su Ennio, ortolano coraggioso

Rems di Barete, immobilismo della Regione

Commenti disabilitati su Rems di Barete, immobilismo della Regione

Le ragioni del Ddl. Il sogno della piccola scala e il gigantismo istituzionale

Commenti disabilitati su Le ragioni del Ddl. Il sogno della piccola scala e il gigantismo istituzionale

Il futuro di una rivoluzione “gentile”

Commenti disabilitati su Il futuro di una rivoluzione “gentile”

Jefferson Garcia Tomala: la sentenza

Commenti disabilitati su Jefferson Garcia Tomala: la sentenza

L’Avvenire e la 180: Tre Articoli su Basaglia

Commenti disabilitati su L’Avvenire e la 180: Tre Articoli su Basaglia

Cantiere salute mentale. Un confine aperto che garantisce sempre il ritorno

Commenti disabilitati su Cantiere salute mentale. Un confine aperto che garantisce sempre il ritorno

Carcere e salute mentale: tappa lombarda verso la Conferenza Nazionale

Commenti disabilitati su Carcere e salute mentale: tappa lombarda verso la Conferenza Nazionale

Dizionario della Nuova Psichiatria: Noi Matti [7]

Commenti disabilitati su Dizionario della Nuova Psichiatria: Noi Matti [7]

A quando un’epidemiologia critica?

Commenti disabilitati su A quando un’epidemiologia critica?

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti