La rabbia di piazza Maggiore: “Dopo un anno ancora scuole chiuse ma non serve” | VIDEO

OLTRE AI RAGAZZI/E A PAGARNE IL PREZZO SONO GLI EDUCATORI/TRICI SCOLASTICI
“Ritornare di nuovo alla didattica a distanza ha generato un’ondata di rabbia da parte dei genitori – racconta Paolo, insegnante delle superiori e del comitato – ma oggi andando a scuola anche il corpo docente era sulla stessa linea d’onda. Non è possibile che ad un anno dall’inizio di questo problema l’unica soluzione messa in campo sia sempre la stessa: la chiusura delle scuole”. In piazza ci sono genitori, docenti e ragazzi che sono rimasti spiazzati dalla decisione di chiudere di nuovo le scuole in seguito alla decisione di far passare l’Emilia-Romagna ad arancione scuro. “

https://www.bolognatoday.it/cronaca/protesta-chiusura-scuole-zona-arancione-scuro.html


Il comitato priorità alla scuola ha indetto una manifestazione sul crescentone. Anche a San Lazzaro in piazza Bracci presidio di protesta: “15, 30, 60 giorni… anno scolastico finirà in Dad?”

(Feed generated with FetchRSS)

Powered by WPeMatico

Facebook Comments
Vai alla barra degli strumenti