La Comunicazione strategica cos’è e come utilizzarla a scuola

Ma quanto siamo effettivamente consapevoli del reale significato e del concreto valore della Comunicazione?

Quanto siamo consapevoli delle strategie relazionali? Quante (e quali) “armi” della comunicazione , nel senso positivo del termine, usiamo per migliorare le nostre vite e le nostre professioni di educatore e insegnante?

Il tema è fortemente dibattuto e le abilità legate alla Comunicazione sono basilari per poter emergere e muoversi nei moderni contesti professionali. Nonostante questo viviamo un grande paradosso: le capacità e le competenze che ci guidano a esprimerci in modo corretto e chiaro si stanno, man mano, perdendo…

Si sta pian piano perdendo sia il “significato generale” della Comunicazione che quello “strategico”, concetti che risultano di vitale importanza anche e soprattutto nel “sistema classe”.

Mettiamo ordine in questi due fondamentali concetti.

La Comunicazione efficace che abbiamo definito “competenza generale” è quella particolare abilità, in gran parte appresa, che ci permette di relazionarci con gli altri (alunni, genitori, tra pari, con i nostri dirigenti, ecc…) per raggiungere un preciso obiettivo, ad esempio trasmettere chiaramente un concetto, un’idea, delle nozioni, delle informazioni, dei dati. Ed è (o dovrebbe) essere una competenza trasversale o di base.

La Comunicazione efficace ci permette di relazionarci in modo “fruttuoso” con i nostri interlocutori, creando un clima positivo e aperto, basato sulla fiducia e sulla disponibilità all’ascolto.

La Comunicazione strategica invece è legata al concetto di “arte di comunicare”; è molto vicina al senso del “convincere” espresso secoli fa dal grande Cicerone nell’opera “De Oratore” (55 a.C.): “Non c’è nulla di più nobile che riuscire a catturare l’attenzione delle persone con la parola (…) indirizzare le loro opinioni, distoglierle (…) e condurle verso ciò che apprezziamo”.

La Comunicazione strategica è basata sull’utilizzo sapiente di un “linguaggio evocativo e coinvolgente”, capace di generare passione e curiosità nei giovani alunni.

Ricordiamo che le attività cognitive del nostro cervello hanno una “modalità di funzionamento” per immagini. E’ necessario quindi “stimolare e agevolare” tali modalità di funzionamento. Come? Le strategie più efficaci hanno a che fare con l’utilizzo di un linguaggio centrato su metafore e aforismi, figure retoriche ampiamente utilizzate nel mondo classico.

Utilizzare in modo sapiente metafore e aforismi, distribuendoli nelle varie fasi nelle quali le attività didattiche vengono di solito scomposte, permette di facilitare l’apprendimento e di dare un senso concreto alle conoscenze, generando nei giovani studenti abilità di “meta-riflessione”, che permettono loro di andare oltre le riflessioni di primo livello incentivando invece abilità di “problem setting”, “problem solving” e “pensiero critico”.

La Comunicazione strategica, centrata sull’uso sapiente delle parole, non è più improntata su una rigida didattica secondo una “logica lineare” che, molto spesso, si scontra con la distrazione dei giovani o con sensazioni di fatica e criticità nel trasmettere competenze e conoscenze. Di certo queste non sono piacevoli sensazioni e buone dinamiche che si vengono a creare nel “sistema-classe”… anzi si rivelano avvilenti e frustranti per i docenti ma anche per gli alunni.

E allora, come puntare a costruire quella che il grande Alfred de Musset (poeta e scrittore francese) ha definito la “lezione quasi perfetta” e molti altri pedagogisti definiscono la “condizione ottimale” per la didattica a Scuola?

E’ necessario che vi siano alcuni punti fermi nel “rapporto efficace” tra docente e discente e, in questo, la comunicazione strategica (con l’uso strategico di forme linguistiche e figure retoriche) può dare il suo notevole contributo.

Sicuramente riusciremo con maggiore impatto a:

  • costruire una relazione profonda bidirezionale docente-discente
  • creare un ambiente più adatto per imparare
  • creare e mantenere alta la motivazione
  • mantenere alto il livello di attenzione
  • rendere gli insegnamenti “teorici” come sapere “utile”

In conclusione possiamo dire che un uso costante di forme “strategiche” di Comunicazione, consente di dare un senso alle conoscenze acquisite e renderle “disponibili” in contesti e situazioni che non siano solamente scolastiche.
Ricordiamo infatti che l’obiettivo della didattica è anche e soprattutto quello di generare modelli di pensiero e competenze (problem setting, problem solving, metariflessione, metacognizione, ecc…) che il giovane possa poter (e saper) usare nella vita sociale e professionale.

Arricchire la Comunicazione efficace, già competenza importante e di grande rilievo per la vita personale e sociale del giovane alunno, con la Comunicazione Strategica, ci permetterà inoltre di far “percepire” al discente quanto l’adulto è “sintonizzato” su di lui… creerà quindi un gradevole senso di condivisione e scoperta, evocando sensazioni piacevoli verso un modello cognitivo-comportamentale che dovrebbe diventare di “uso comune” per il giovane.

I corsi di Giuseppe Sferrazzo

Bullismo e cyberbullismo

WEBINAR – GRATUITO – La Comunicazione non verbale (CNV), competenza strategica per gestire le criticità del  sistema Classe

Strategie di Public Speaking

Comunicare in modo Efficace ed Assertivo con studenti e colleghi, con Basi di PNL

L’articolo La Comunicazione strategica cos’è e come utilizzarla a scuola sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

DL Scuola, Toccafondi (Iv): 48.000 assunzioni e concorsi selettivi. Presenteremo emendamento per ruolo a docenti paritarie

Commenti disabilitati su DL Scuola, Toccafondi (Iv): 48.000 assunzioni e concorsi selettivi. Presenteremo emendamento per ruolo a docenti paritarie

Neoimmessi in ruolo, quando si può chiedere l’aspettativa per svolgere altro lavoro

Commenti disabilitati su Neoimmessi in ruolo, quando si può chiedere l’aspettativa per svolgere altro lavoro

Concorso per pedagogisti ed educatori nelle scuole, inizia l’esame del Disegno di Legge

Commenti disabilitati su Concorso per pedagogisti ed educatori nelle scuole, inizia l’esame del Disegno di Legge

Naspi e nuovo incarico: quando si sospende l’indennità?

Commenti disabilitati su Naspi e nuovo incarico: quando si sospende l’indennità?

Dispersione, Iori (PD): si combatte valorizzando i docenti e investendo sul tempo scuola

Commenti disabilitati su Dispersione, Iori (PD): si combatte valorizzando i docenti e investendo sul tempo scuola

TFA corso sostegno, date prova scritta. Aggiornato Perugia, Milano Cattolica

Commenti disabilitati su TFA corso sostegno, date prova scritta. Aggiornato Perugia, Milano Cattolica

A scuola dal 1° settembre ma bonus agli insegnanti per attività fino al 14: la prossima settimana in Commissione Cultura

Commenti disabilitati su A scuola dal 1° settembre ma bonus agli insegnanti per attività fino al 14: la prossima settimana in Commissione Cultura

PAS e concorso straordinario, requisiti d’accesso. Valido solo servizio secondaria

Commenti disabilitati su PAS e concorso straordinario, requisiti d’accesso. Valido solo servizio secondaria

Consigli di classe svolti su Skype comodamente da casa tua, si può: ecco come. Intervista al Dirigente Iaconianni

Commenti disabilitati su Consigli di classe svolti su Skype comodamente da casa tua, si può: ecco come. Intervista al Dirigente Iaconianni

Potrebbe tornare il giuramento per il personale scolastico. No della Cgil

Commenti disabilitati su Potrebbe tornare il giuramento per il personale scolastico. No della Cgil

La guerra della lode alla maturità. Lettera

Commenti disabilitati su La guerra della lode alla maturità. Lettera

Stop al precariato dei docenti della scuola d’infanzia e primaria. Lettera

Commenti disabilitati su Stop al precariato dei docenti della scuola d’infanzia e primaria. Lettera

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti