La Cassazione dice sì alla parità di diritti tra precari e docenti di ruolo

Una importante sentenza della Cass. civ. Sez. lavoro, Sent., (ud. 15-10-2019) 16-12-2019, n. 33140, risolve, forse definitivamente, la questione della differenza retributiva che sussiste tra il personale precario e di ruolo, e l’auspicio, a questo punto è che il legislatore intervenga in modo risolutivo per mettere fine a dei contenziosi che durano da decenni affinchè non si registri più alcuna discriminazione tra il suddetto personale.

La sentenza della Corte di Giustizia Europea

Con la sentenza del 20.9.2018, in causa C466/17, Motter, con la quale, a seguito di rinvio pregiudiziale del Tribunale di Trento, la Corte di Giustizia ha statuito che la clausola 4 dell’Accordo Quadro, in linea di principio, non osta ad una normativa, quale quella dettata dal D.Lgs. n. 297 del 1994, art. 485 che “ai fini dell’inquadramento di un lavoratore in una categoria retributiva al momento della sua assunzione in base ai titoli come dipendente pubblico di ruolo, tenga conto dei periodi di servizio prestati nell’ambito di contratti di lavoro a tempo determinato in misura integrale fino al quarto anno e poi, oltre tale limite, parzialmente, a concorrenza dei due terzi”.

Con quella sentenza sembrava che si fosse compromesso quel diritto che tanti tribunali di merito stavano riconoscendo ai precari, ma la Cassazione, con la sentenza in commento, interviene in modo netto.

I precedenti

“Quanto alla comparabilità degli assunti a tempo determinato con i docenti di ruolo valgono le considerazioni già espresse da questa Corte con le sentenze richiamate al punto 6 e con l’ordinanza n. 20015/2018 che, valorizzando il principio di non discriminazione e le disposizioni contrattuali che si riferiscono alla funzione docente, ha ritenuto di dovere riconoscere il diritto dei supplenti temporanei a percepire, in proporzione all’attività prestata, la retribuzione professionale docenti. In quelle pronunce si è evidenziato, ed il principio deve essere qui ribadito, che la disparità di trattamento non può essere giustificata dalla natura non di ruolo del rapporto di impiego, dalla novità di ogni singolo contratto rispetto al precedente, dalle modalità di reclutamento del personale nel settore scolastico e dalle esigenze che il sistema mira ad assicurare.”

I principi di diritto della Cassazione sul riconoscimento della parità retributiva tra precari e personale di ruolo

a) il D.Lgs. n. 297 del 1994, art. 485 che anche in forza del rinvio operato dalle parti collettive disciplina il riconoscimento dell’anzianità di servizio dei docenti a tempo determinato poi definitivamente immessi nei ruoli dell’amministrazione scolastica, viola la clausola 4 dell’Accordo Quadro allegato alla direttiva 1999/70/CE, e deve essere disapplicato, nei casi in cui l’anzianità risultante dall’applicazione dei criteri dallo stesso indicati, unitamente a quello fissato dall’art. 489 cit. decreto, come integrato dalla L. n. 124 del 1999, art. 11, comma 14, risulti essere inferiore a quella riconoscibile al docente comparabile assunto ab origine a tempo indeterminato;
b) il giudice del merito per accertare la sussistenza della denunciata discriminazione dovrà comparare il trattamento riservato all’assunto a tempo determinato, poi immesso in ruolo, con quello del docente ab origine a tempo indeterminato e ciò implica che non potranno essere valorizzate le interruzioni fra un rapporto e l’altro, nè potrà essere applicata la regola dell’equivalenza fissata dal richiamato art. 489;
c) l’anzianità da riconoscere ad ogni effetto al docente assunto a tempo determinato, poi immesso in ruolo, in caso di disapplicazione del D.Lgs. n. 297 del 1994, art. 485 deve essere computata sulla base dei medesimi criteri che valgono per l’assunto a tempo indeterminato.

L’articolo La Cassazione dice sì alla parità di diritti tra precari e docenti di ruolo sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Impronte digitali Presidi e Ata, norma sarà cancellata con il Decreto scuola

Commenti disabilitati su Impronte digitali Presidi e Ata, norma sarà cancellata con il Decreto scuola

Manfredi: esami abilitazioni con unica prova orale. Studenti, vogliamo tutte le lauree abilitanti

Commenti disabilitati su Manfredi: esami abilitazioni con unica prova orale. Studenti, vogliamo tutte le lauree abilitanti

ATA, Anief: a Biella 51 posti in meno. Ecco in quali profili

Commenti disabilitati su ATA, Anief: a Biella 51 posti in meno. Ecco in quali profili

Coronavirus, 43,5 mln per pulizia scuole: modalità acquisto prodotti e deroghe

Commenti disabilitati su Coronavirus, 43,5 mln per pulizia scuole: modalità acquisto prodotti e deroghe

Edilizia scolastica: oltre 12,7 milioni di euro per emergenze

Commenti disabilitati su Edilizia scolastica: oltre 12,7 milioni di euro per emergenze

Emilia Romagna, mascherine a studenti rimasti nelle residenze univesitarie

Commenti disabilitati su Emilia Romagna, mascherine a studenti rimasti nelle residenze univesitarie

Riforma pensioni: per il personale della scuola rispunta l’ipotesi della quota 96

Commenti disabilitati su Riforma pensioni: per il personale della scuola rispunta l’ipotesi della quota 96

Pensioni 2020: 34.111 insegnanti e ATA. Dati per provincia, aggiornato Lazio

Commenti disabilitati su Pensioni 2020: 34.111 insegnanti e ATA. Dati per provincia, aggiornato Lazio

Coronavirus, scuole New York chiuse fino a settembre

Commenti disabilitati su Coronavirus, scuole New York chiuse fino a settembre

Commissione Cultura, Prof. Bianchi e Dott. Miozzo in audizione sulla ripresa della scuola a settembre

Commenti disabilitati su Commissione Cultura, Prof. Bianchi e Dott. Miozzo in audizione sulla ripresa della scuola a settembre

Concorso scuola secondaria I e II grado, corso di formazione. Aperti forum per gli iscritti

Commenti disabilitati su Concorso scuola secondaria I e II grado, corso di formazione. Aperti forum per gli iscritti

Grembiulino sì o grembiulino no? Spicola (PD): servono soldi per asili nido, tempo pieno, diritto studio

Commenti disabilitati su Grembiulino sì o grembiulino no? Spicola (PD): servono soldi per asili nido, tempo pieno, diritto studio

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti