Kepler scopre quattro pianeti rocciosi come la Terra vicini al sistema solare

La scoperta di nuovi pianeti più o meno vicini a noi e più o meno simili alla nostra Terra potrebbe non destare più lo stupore di un paio di anni fa. Ma la ricerca telescopio spaziale Kepler della Nasa non si ferma. L’ultimo colpo riguarda quattro pianeti rocciosi poco più grandi del pianeta Azzurro che sono anche i nuovi ‘vicini di casa’ del Sistema Solare. Questi quattro sono gli osservati speciali di un gruppo di altri 100 pianeti, tutti relativamente vicini, o almeno alla portata dei più grandi telescopi basati a Terra.

E ora team di astronomi di tutto il mondo sono pronti a osservarli per ricostruire la composizione della loro atmosfera a caccia di segnali capaci di rivelare la presenza di eventuali forme di vita. I 104 pianeti esterni al Sistema Solare appena scoperti dal telescopio Kepler si aggiungono agli oltre 1.284 scoperti in un colpo solo nel maggio scorso. Descritti nell’edizione online dell’Astrophysical Journal, orbitano tutti intorno a stelle vicine alla nostra e i ricercatori che ne hanno individuato le tracce fra i dati di Kepler sono coordinati da Ian Crossfield, dell’Università dell’Arizona a Tucson.

La scoperta è avvenuta nell’ambito della missione speciale del telescopio Kepler, chiamata K2. Quest’ultima rappresenta la nuova vita del telescopio spaziale Kepler, dato per spacciato nell’estate 2013 ma rimesso a nuovo nel 2014. Grazie ad essa la caccia ai mondi alieni è più raffinata. Sfrutta infatti le lenti gravitazionali previste dalla teoria della relatività di Albert Einstein, ossia fenomeni che permettono di vedere oggetti molto lontani grazie alla distorsione che, per effetto della loro gravità, subisce la luce di una stella o di una galassia nel momento in cui li attraversa. L’effetto è quello di una lente d’ingrandimento. Nel caso dei pianeti vengono prodotte delle microlenti e sono queste che hanno permesso alla missione K2 di scoprire i nuovi vicini di casa del Sistema Solare.

“La missione K2 è specializzata nell’andare a cercare le stelle più vicine e brillanti, che ospitano diversi tipi di pianeti”, ha osservato Crossfield. I pianeti individuati inizialmente erano stati 197, ma l’analisi dei dati ha permesso di confermare la scoperta per 104 di essi e ha indicati inoltre che quattro di essi sono rocciosi. Sono inoltre dal 20% al 50% più grandi della Terra e orbitano intorno alla stella K2-72, distante 181 anni luce, più piccola e meno brillante del nostro Sole. Ha però una luce sufficiente a garantire a due dei suoi quattro pianeti un irraggiamento molto simile a quello della Terra. Questo accade perché i pianeti sono tutti molto vicini, più di quanto Mercurio lo sia al Sole, tanto da compiere un’orbita in un periodo compreso tra poco più di cinque giorni e 24 giorni.

L’articolo Kepler scopre quattro pianeti rocciosi come la Terra vicini al sistema solare proviene da Il Fatto Quotidiano.

Facebook Comments

F. Q.

Related Posts

Meningite, origine sintomi e diagnosi di una malattia ancora letale. Esperti: “Fondamentale vaccinarsi”

Commenti disabilitati su Meningite, origine sintomi e diagnosi di una malattia ancora letale. Esperti: “Fondamentale vaccinarsi”

Nasa, scoperto un sistema planetario alieno: “Una nuova Terra? Non è più questione di se ma quando”

Commenti disabilitati su Nasa, scoperto un sistema planetario alieno: “Una nuova Terra? Non è più questione di se ma quando”

Scoperte da un team di ricercatori italiani molecole contro l’invecchiamento cellulare

Commenti disabilitati su Scoperte da un team di ricercatori italiani molecole contro l’invecchiamento cellulare

Elon Musk: “Con SpaceX invierò due turisti spaziali intorno alla Luna nel 2018”

Commenti disabilitati su Elon Musk: “Con SpaceX invierò due turisti spaziali intorno alla Luna nel 2018”

ExoMars, schianto Schiaparelli per via di “test affidati a ditta non specializzata”. Esa: “Attendiamo esiti commissione”

Commenti disabilitati su ExoMars, schianto Schiaparelli per via di “test affidati a ditta non specializzata”. Esa: “Attendiamo esiti commissione”

Fotografata per la prima volta una “culla” di stelle nella Nebulosa di Orione

Commenti disabilitati su Fotografata per la prima volta una “culla” di stelle nella Nebulosa di Orione

Pecora Dolly, “i 4 cloni del primo mammifero clonato vivono bene”

Commenti disabilitati su Pecora Dolly, “i 4 cloni del primo mammifero clonato vivono bene”

Ig Nobel 2017, il premio a una ricerca italiana sui gemelli monozigoti: “Hanno difficoltà a riconoscersi”

Commenti disabilitati su Ig Nobel 2017, il premio a una ricerca italiana sui gemelli monozigoti: “Hanno difficoltà a riconoscersi”

Missioni umane su Luna e Marte, ok primi test sulla “casa” spaziale gonfiabile

Commenti disabilitati su Missioni umane su Luna e Marte, ok primi test sulla “casa” spaziale gonfiabile

Vaccini, Senato annulla proiezione ‪del documentario Vaxxed: From Cover-Up to Catastrophe

Commenti disabilitati su Vaccini, Senato annulla proiezione ‪del documentario Vaxxed: From Cover-Up to Catastrophe

Giornata malattie rare 2017, nascono reti europee per il coordinamento delle cure. “Una patologia su 4 senza diagnosi”

Commenti disabilitati su Giornata malattie rare 2017, nascono reti europee per il coordinamento delle cure. “Una patologia su 4 senza diagnosi”

Ergastolo? Sentenza che puzza: cosa dovete sapere”. Feltri, la bomba contro chi ha condannato Bossetti

Commenti disabilitati su Ergastolo? Sentenza che puzza: cosa dovete sapere”. Feltri, la bomba contro chi ha condannato Bossetti

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti