Istat: meno iscritti all’infanzia, più immatricolazioni universitarie al Nord

Tra i dati ci sono quelli che riguardano l’istruzione.

In 10 anni, dal 2008 al 2017, la partecipazione dei bambini di 4 e 5 anni alla scuola dell’infanzia è diminuita in quasi tutte le province italiane, con rare eccezioni come Bolzano (+1,5%) e Nuoro (+1,1%).
Caserta (89%) e Roma (84%) registrano le contrazioni maggiori (rispettivamente -7 e -10 punti percentuali) e nel 2017 si posizionano in fondo alla graduatoria; Roma è ultima. Al primo posto, nello stesso anno, si trova Sondrio (98%).

L’Istat scrive: “Nel gruppo delle 22 province con i tassi maggiori (superiori al 94,4%) prevalgono leggermente quelle del Nord, ma ci sono anche Nuoro (98%), Oristano e Rieti (entrambe al 95%). Venezia (95%) è l’unica città metropolitana a collocarsi nel gruppo di testa. In coda alla distribuzione, con tassi inferiori al 90%, si trovano, oltre a Roma, le città metropolitane siciliane di Palermo, Messina, Catania (tutte con l’87%) e Reggio Calabria (89%), e diverse province del Nord: Bergamo, Lodi, Reggio Emilia (tutte all’89%), Pavia (87%), Parma (86%)”.

Nella distribuzione provinciale del tasso di passaggio all’università, l’Italia appare spaccata a metà: la quasi totalità del Centro-Nord insieme ad Abruzzo e Molise su livelli più elevati, la gran parte del Sud (Isole comprese) su valori decisamente inferiori. Anche nel 2017, come in tutti gli anni precedenti, Isernia è prima in Italia, con 65 diplomati su 100 che si iscrivono all’Università nello stesso anno del diploma. A Siracusa, ultima, il tasso scende al 38%”. Tra 2014 e 2017, il tasso di passaggio all’università è cresciuto per tre province italiane su quattro. Gli incrementi maggiori sono a Sassari e Cuneo (entrambe 48% nel 2017), Grosseto e Belluno (50%), con guadagni intorno ai 15 punti percentuali. All’opposto riduzioni di 5-7 punti percentuali interessano Potenza (50%), Benevento (48%) e Salerno (43%).

Sulle competenze alfabetiche degli studenti delle scuole superiori nel 2018 si ha “un quadro territoriale fortemente polarizzato tra le province dell’Italia settentrionale e quelle del Mezzogiorno”. Lecco è prima con 214 punti e Trento seconda a brevissima distanza. Enna è ultima in Italia con 177 punti (a 37 punti di distanza da Lecco), preceduta di poco da Crotone. I dati sono molto simili anche per le competenze numeriche.

Rapporto Istat

L’articolo Istat: meno iscritti all’infanzia, più immatricolazioni universitarie al Nord sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Vacanze Pasqua e assenza docente, Aran: giorni sospensione non si computano come malattia

Commenti disabilitati su Vacanze Pasqua e assenza docente, Aran: giorni sospensione non si computano come malattia

Attività estive 0-3 anni: ok dal Cts a estensione linee guida

Commenti disabilitati su Attività estive 0-3 anni: ok dal Cts a estensione linee guida

Esami terza media e Maturità, Renzi: ragazzi dovevano tornare a scuola a maggio per prepararsi

Commenti disabilitati su Esami terza media e Maturità, Renzi: ragazzi dovevano tornare a scuola a maggio per prepararsi

Passaggio di cattedra: riguarda solo la scuola Secondaria I e II grado

Commenti disabilitati su Passaggio di cattedra: riguarda solo la scuola Secondaria I e II grado

Banda larga internet, in arrivo 4,5 milioni di euro per le scuole friulane

Commenti disabilitati su Banda larga internet, in arrivo 4,5 milioni di euro per le scuole friulane

Supplenze personale Ata, nomine in ritardo a Vibo

Commenti disabilitati su Supplenze personale Ata, nomine in ritardo a Vibo

Forum Famiglie: animatori in centri estivi o baby sitter pagate da aziende. Proposte per aiuto genitori che lavorano

Commenti disabilitati su Forum Famiglie: animatori in centri estivi o baby sitter pagate da aziende. Proposte per aiuto genitori che lavorano

Docenti supplenti hanno lavorato durante emergenza Coronavirus ma non sono stati pagati. Lettera

Commenti disabilitati su Docenti supplenti hanno lavorato durante emergenza Coronavirus ma non sono stati pagati. Lettera

Assegnazioni provvisorie e utilizzi, novità nei contratti regionali 2019/20. Aggiunti Puglia e Abruzzo

Commenti disabilitati su Assegnazioni provvisorie e utilizzi, novità nei contratti regionali 2019/20. Aggiunti Puglia e Abruzzo

Libertà di scelta su test sierologici e vaccinazioni. Lettera

Commenti disabilitati su Libertà di scelta su test sierologici e vaccinazioni. Lettera

Bambino escluso da recita di Natale, Sgambato (PD): non si punta dito accusatorio senza conoscere i fatti

Commenti disabilitati su Bambino escluso da recita di Natale, Sgambato (PD): non si punta dito accusatorio senza conoscere i fatti

Flashmob “Dillo ad Azzolina”, la protesta dei precari ai tempi del Coronavirus

Commenti disabilitati su Flashmob “Dillo ad Azzolina”, la protesta dei precari ai tempi del Coronavirus

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti