IO SCRIVO, TU MI PENSI

Arrivò una bambina dai capelli bianchi
e non aveva più denti
soltanto pane nella pancia e patria
e una mano gialla fatta di neve e
la fortuna che sbatte contro la guancia
subito il mio cappotto di fuori fu bianco e
i miei sarti mi domandarono perché
non so morire
di cosa sono debitrice agli alberi
è una cosa che si lascia appesa lassù.

leggi tutto

Leggi Tutto

Fonte

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

portaleducatori

Related Posts

Gemma Brandi

Commenti disabilitati su Gemma Brandi

C’è dell’Uno

Commenti disabilitati su C’è dell’Uno

Il perverso si fa legislatore: l’essenza del gruppo settario.

Commenti disabilitati su Il perverso si fa legislatore: l’essenza del gruppo settario.

Corpo di donna, corpo d’incanto

Commenti disabilitati su Corpo di donna, corpo d’incanto

La morte nella vita: “Sépolture” di Baudelaire

Commenti disabilitati su La morte nella vita: “Sépolture” di Baudelaire

SALUTE MENTALE RECLUSA: dal Rapporto Antigone 2019

Commenti disabilitati su SALUTE MENTALE RECLUSA: dal Rapporto Antigone 2019

Greta, perché tanto odio?

Commenti disabilitati su Greta, perché tanto odio?

La tecnica della psicoanalisi, Sette Lezioni su pratica, metodo, cura, Un contributo indipendente alla teoria freudiana

Commenti disabilitati su La tecnica della psicoanalisi, Sette Lezioni su pratica, metodo, cura, Un contributo indipendente alla teoria freudiana

Dalla cultura della diffidenza alla cultura della co-costruzione

Commenti disabilitati su Dalla cultura della diffidenza alla cultura della co-costruzione

Aurora Maria Giusti da Silva

Commenti disabilitati su Aurora Maria Giusti da Silva

MENTRE LA PSICHIATRIA SI ESTINGUE LA CLINICA RIVIVE NEL RACCONTO…

Commenti disabilitati su MENTRE LA PSICHIATRIA SI ESTINGUE LA CLINICA RIVIVE NEL RACCONTO…

Dalle scimmie più antropoidi agli uomini più pitecoidi

Commenti disabilitati su Dalle scimmie più antropoidi agli uomini più pitecoidi

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti