Invalsi: prova al pc ormai non crea difficoltà alle scuole

Hanno preso il via oggi le prove INVALSI per gli studenti delle classi III della scuola secondaria di primo grado che fra qualche mese affronteranno l’esame di Stato conclusivo del primo ciclo d’istruzione. Le prove si svolgeranno dall’1 al 18 aprile.

Gli studenti sosterranno le prove di Italiano, Matematica e Inglese al computer. Già l’anno scorso – anno di avvio delle prove al computer per gli allievi delle classi III della scuola secondaria di primo grado – l’intenso lavoro delle scuole per adeguare le attrezzature informatiche e le connessioni internet, avevano reso possibile lo svolgimento delle prove senza particolari criticità e, laddove si erano registrate carenze di strutture e di rete, l’Istituto era intervenuto direttamente, grazie anche alla collaborazione delle scuole  vicine a quelle più in difficoltà.

La costante collaborazione tra l’INVALSI e le istituzioni scolastiche coinvolte ha consentito di giungere anche all’appuntamento odierno nelle condizioni tecnologiche più adeguate per permettere il regolare svolgimento delle prove e agli studenti di affrontare al meglio questa
nuova tappa propedeutica all’esame di fine ciclo.

Gli studenti delle classi III coinvolti dalle rilevazioni sono 572.236 suddivisi in 29.146 classi e le postazioni informatiche effettive risultano 199.073, vale a dire un computer ogni 2,8 studenti. A ciascuna scuola, dunque, saranno sufficienti in media dai due ai tre turni per far svolgere ogni prova a tutti gli studenti.

Nella giornata odierna le prove svolte alle ore 17.00 sono state 117.343 e tutto si è svolto regolarmente, senza particolari problematicità tecnico-informatiche.

Alle scuole coinvolte, ai docenti, ai dirigenti e agli studenti che hanno sostenuto e sosteranno le prove va il ringraziamento dell’Istituto. In particolare, agli studenti che affronteranno gli esami conclusivi l’INVALSI invia i migliori incoraggiamenti e auguri.

L’articolo Invalsi: prova al pc ormai non crea difficoltà alle scuole sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments
Vai alla barra degli strumenti