Insegnanti non possono fare da babysitter, la scuola deve rendere gli studenti protagonisti del domani

Sembra che siamo immersi in una società di ragazzi che non possiedono nemmeno le competenze per compiere le azioni più elementari della vita quotidiana come lavarsi accuratamente le mani, allacciarsi le scarpe, appendere bene gli abiti sugli appositi appendini, fare ricreazione stando seduti sui banchi,

A tutto ciò dovrebbe pensarci la famiglia perché è lì che il ragazzo trascorre la maggior parte del tempo, mentre a scuola passa solo una parte della sua giornata e il docente deve pensare a svolgere la sua progettazione, a spiegare, a interrogare, a valutare. Invece il più delle volte l’insegnante deve ricoprire il ruolo del “genitore surrogato”, di colui che, anziché, dedicarsi alla formazione e all’apprendimento dei ragazzi deve aiutarli compiere le azioni più elementari del vivere quotidiano.

Ma allora si può capire quando si devono responsabilizzare questi nostri ragazzi, quando devono crescere, quando devono diventare adulti. Sembra che non lo diventeranno mai, che resteranno degli eterni fanciulli, che in età adulta penseranno ancora che la vita è un continuo gioco, invece, che una palestra in cui si affrontano giorno dopo giorno i più svariati problemi. Accanto ai ragazzi anche i genitori devono apprendere il mestiere di essere genitori, in quanto devono accompagnare i propri figli in un percorso che li porti a diventare responsabili, autonomi, indipendenti, insomma abituarli a sapersi muovere nel mondo,

Di fronte a quali situazioni si trovano i docenti? Si trovano nella condizione non si insegnare, ma di fare il “babysitter” venendo continuamente incontro alle richieste degli alunni che non conoscono ancora le regole e le azioni più elementari del vivere quotidiano che noi adulti di una volta abbiamo imparato abbastanza presto perché i genitori di un tempo ci responsabilizzavano, ci insegnavano le regole e ci aiutavano a diventare grandi per poi farci camminare con le nostre gambe, Ora, invece, i ragazzi non sanno allacciarsi le scarpe, non sanno lavarsi accuratamente le mani, non sanno stare comodamente seduti, ma sanno, da piccoli, utilizzare il cellulare, conoscono i videogiochi già da quando sono ancora in fasce, sono, insomma internauti e tecnologici da subito.

La vita, purtroppo, non è fatta solo di videogiochi, di cellulare, è fatta di tante cose belle che sono i sentimenti, le esperienze individuali che vanno vissute e assaporate fino in fondo, altrimenti la vita diventa soltanto un trascorrere il tempo nell’inerzia, nell’oziosità senza capirci un’acca. È, dunque, il momento di aprire gli occhi, di vedere in faccia il mondo e la realtà che ci circonda, perché andando avanti di questo passo si avrà una società di individui che non sapranno nemmeno porsi le più elementari domande dell’esistenza, muoversi nel mondo, interagire con gli altri. Sembra quasi che facciamo il passo del gambero: mentre proiettiamo i nostri ragazzi nel futuro, con un colpo di spugna li rimandiamo indietro nei secoli, se non addirittura nell’età preistorica.

L’articolo Insegnanti non possono fare da babysitter, la scuola deve rendere gli studenti protagonisti del domani sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

https://www.orizzontescuola.it/insegnanti-non-possono-babysittter-la-scuola-deve-rendere-gli-studenti-protagonisti-del-domani/

Leggi Tutto

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

adminreal

Related Posts

Crozza ironizza: “Cambia di nuovo l’esame di maturità… erano almeno sei mesi che non lo cambiavano”

Commenti disabilitati su Crozza ironizza: “Cambia di nuovo l’esame di maturità… erano almeno sei mesi che non lo cambiavano”

Bozza decreto scuola, Sasso (Lega): ignorate basi pedagogia, rischio 6 politico per tutti

Commenti disabilitati su Bozza decreto scuola, Sasso (Lega): ignorate basi pedagogia, rischio 6 politico per tutti

La scienza della vita contro il distanziamento sociale, educativo e religioso. Lettera

Commenti disabilitati su La scienza della vita contro il distanziamento sociale, educativo e religioso. Lettera

Concorso Dsga. Supera le prove con il metodo di Eurosofia. Due simulazioni della prova pre-selettiva e strategie di memorizzazione rapida

Commenti disabilitati su Concorso Dsga. Supera le prove con il metodo di Eurosofia. Due simulazioni della prova pre-selettiva e strategie di memorizzazione rapida

La riapertura delle scuole a settembre: ecco perché non è solo un problema di didattica

Commenti disabilitati su La riapertura delle scuole a settembre: ecco perché non è solo un problema di didattica

Ferie ATA che usufruisce dell’art. 59 su supplenza come docente

Commenti disabilitati su Ferie ATA che usufruisce dell’art. 59 su supplenza come docente

Sgambato (PD): graduatorie infanzia e primaria piene di docenti, a cosa serve concorso infanzia e primaria

Commenti disabilitati su Sgambato (PD): graduatorie infanzia e primaria piene di docenti, a cosa serve concorso infanzia e primaria

Maturità: commissari indosseranno mascherina chirurgica fornita dalla scuola, no guanti, igiene frequente delle mani

Commenti disabilitati su Maturità: commissari indosseranno mascherina chirurgica fornita dalla scuola, no guanti, igiene frequente delle mani

Graduatorie ad esaurimento 2019/22, inserita Reggio-Emilia definitiva

Commenti disabilitati su Graduatorie ad esaurimento 2019/22, inserita Reggio-Emilia definitiva

Cento giorni alla Maturità, giovani si riuniscono nonostante il Coronavirus

Commenti disabilitati su Cento giorni alla Maturità, giovani si riuniscono nonostante il Coronavirus

Tempo lungo per imparare la convivenza civile

Commenti disabilitati su Tempo lungo per imparare la convivenza civile

Gissi: per riaprire le scuole in sicurezza molti i problemi da affrontare, e il personale non basta

Commenti disabilitati su Gissi: per riaprire le scuole in sicurezza molti i problemi da affrontare, e il personale non basta

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti