Inizio anno scolastico, in Veneto mancano 7821 docenti. Donazzan: con autonomia non avremmo tali carenze

Carenza docenti

La Donazzan, riferisce Askanews, afferma che mancano all’appello 7821 insegnanti, di cui 2284 di sostegno.

Le province, in cui la mancanza di docenti è maggiore, sono:

  • Treviso dove mancano 1012 insegnanti di posto comune e 282 di sostegno;
  • Venezia dove mancano 1155 insegnanti di posto comune e 440 di sostegno;
  • Verona dove mancano nel complesso 1404 docenti;
  • Vicenza dove mancano 1508 docenti di posto comune e 547 di sostegno.

Problema diplomati magistrale

L’Assessore evidenzia che al problema strutturale della mancanza di insegnanti si aggiunge quello relativo ai diplomati magistrale entro l’a.s. 2001/02, licenziati in seguito alle sentenze di merito che si sono conformate ai due pronunciamenti dell’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato, secondo cui i predetti docenti non hanno diritto all’inserimento in GaE in virtù del solo diploma.

Problema 104/92

Un altro problema posto in essere dalla Donazan riguarda i docenti che ottengono il trasferimento grazie ai benefici, ossia alla precedenza riconosciuta dalla legge 104/92:

“Una legge di civiltà – afferma l’assessore – che, però, consente, in particolare nel mondo della scuola, anche abusi e indebiti titoli di precedenza per chi desidera avvicinarsi a casa”

Le parole dell’Assessore

Queste le parole della Donazzan:

“Il nuovo anno scolastico si apre in Veneto nuovamente all’insegna dell’incertezza. Anzi quest’anno sarà anche peggio degli anni precedenti, a causa dei mancati concorsi, dell’aumento del precariato, del blocco del numero delle abilitazioni per gli insegnanti di sostegno, che si traduce nella mancanza di 2 insegnanti su 5 per gli studenti con disabilità. E l’ultima grave incertezza che si aggiunge per il Veneto è che ad oggi l’Ufficio scolastico regionale è privo di vertice, perché la dottoressa Augusta Celada è stata chiamata a Roma”.

I succitati problemi si sarebbero potuti risolvere, solo se fossero stati attribuiti maggiori poteri alle regioni:

“Da sempre sono convinta che una programmazione territoriale sul fabbisogno dei docenti sia la soluzione al problema del precariato, della continuità didattica a beneficio soprattutto degli studenti, e della scuola nel suo insieme. Con un vantaggio anche per i conti dello Stato e il benessere della collettività perché ricordiamoci che la dispersione scolastica ha un costo sociale molto elevato”.

L’articolo Inizio anno scolastico, in Veneto mancano 7821 docenti. Donazzan: con autonomia non avremmo tali carenze sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Prove Invalsi, nel mese di maggio alla Primaria. Lo scadenzario

Commenti disabilitati su Prove Invalsi, nel mese di maggio alla Primaria. Lo scadenzario

Sindacati Sicilia, Lagalla ci incontri per tutelare i lavoratori

Commenti disabilitati su Sindacati Sicilia, Lagalla ci incontri per tutelare i lavoratori

Coronavirus, Siani (PD): si disponga decreto ad hoc per bambini in difficoltà

Commenti disabilitati su Coronavirus, Siani (PD): si disponga decreto ad hoc per bambini in difficoltà

Se fossi dirigente… Lettera

Commenti disabilitati su Se fossi dirigente… Lettera

E’ morto il regista Franco Zeffirelli

Commenti disabilitati su E’ morto il regista Franco Zeffirelli

Concorso ordinario infanzia e primaria, il bando è in Gazzetta Ufficiale: 12.863 posti. Domande dal 15 giugno al 31 luglio

Commenti disabilitati su Concorso ordinario infanzia e primaria, il bando è in Gazzetta Ufficiale: 12.863 posti. Domande dal 15 giugno al 31 luglio

Scienza, Futuro e Pratiche scolastiche. Ciclo di incontri formativi gratuiti

Commenti disabilitati su Scienza, Futuro e Pratiche scolastiche. Ciclo di incontri formativi gratuiti

Piano scuola PD: da aumento stipendio docenti a libri gratis studenti superiori. Tutte le proposte

Commenti disabilitati su Piano scuola PD: da aumento stipendio docenti a libri gratis studenti superiori. Tutte le proposte

CNDDU: lottare contro la dispersione scolastica per contrastare l’illegalità

Commenti disabilitati su CNDDU: lottare contro la dispersione scolastica per contrastare l’illegalità

Una scuola distingue i plessi in base a status socio-economico degli alunni “Qui alta borghesia…”

Commenti disabilitati su Una scuola distingue i plessi in base a status socio-economico degli alunni “Qui alta borghesia…”

Insegnanti di sostegno, “indispensabili come Ronaldo alla Juve”

Commenti disabilitati su Insegnanti di sostegno, “indispensabili come Ronaldo alla Juve”

Buona Scuola, Gavosto: fallimento previsto. Dalla fine del precariato alla chiamata diretta: ecco cosa non ha funzionato

Commenti disabilitati su Buona Scuola, Gavosto: fallimento previsto. Dalla fine del precariato alla chiamata diretta: ecco cosa non ha funzionato

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti