In stato vegetativo da 15 anni, recupera uno stato minimo di coscienza grazie alla stimolazione del nervo vago

Era in uno stato vegetativo persistente da 15 anni – ad oggi condizione considerata irreversibile – ma grazie alla “stimolazione del nervo vago” è passato a uno stato minimo di coscienza. Il paziente, un uomo di 35 anni, può ora muovere occhi e testa a comando, seguire un oggetto con lo sguardo e rispondere a stimoli esterni. È stato registrato anche un cambiamento dell’attività cerebrale, con formazione di nuove connessioni nervose. Il risultato, pubblicato sulla rivista Current Biology, è stato ottenuto da Angela Sirigu dell’Istituto di scienze cognitive di Lione.

La ricercatrice ha utilizzato un nuovo metodo di stimolazione del nervo vago, uno dei nervi cranici, con un pacemaker impiantato da neurochirurghi nel torace del paziente. Dopo un ciclo di stimolazioni, l’uomo è uscito dallo stato vegetativo entrando in uno stato minimo di coscienza. Il suo elettroencefalogramma ha cominciato a registrare segni di attività neurale, assenti da 15 anni. Le nuove connessioni nervose, emerse attraverso l’esame della Pet, hanno dimostrato che, almeno in questo caso, il cervello è rimasto plastico dopo anni di stato vegetativo. La scienziata si appresta ora a svolgere uno studio analogo su più pazienti per vedere quali e quanti miglioramenti sono possibili con la stimolazione e per capire i meccanismi in atto in altri casi.

Lo stato vegetativo è considerato irreversibile, cioè permanente, quando si protrae a lungo come nel caso del paziente di questo studio. La tecnica di stimolazione del nervo vago utilizzata in questo caso era già in uso, ad esempio, per trattare l’epilessia.

Lo studio su Current Biology

 

L’articolo In stato vegetativo da 15 anni, recupera uno stato minimo di coscienza grazie alla stimolazione del nervo vago proviene da Il Fatto Quotidiano.

Facebook Comments

F. Q.

Related Posts

Nei Paesi del G7 nel 2018 il 10% possedeva oltre la metà della ricchezza nazionale

Commenti disabilitati su Nei Paesi del G7 nel 2018 il 10% possedeva oltre la metà della ricchezza nazionale

Che cosa abbiamo imparato dopo sei mesi di coronavirus (e che cosa ci resta da scoprire)

Commenti disabilitati su Che cosa abbiamo imparato dopo sei mesi di coronavirus (e che cosa ci resta da scoprire)

Quando la situazione si fa difficile

Commenti disabilitati su Quando la situazione si fa difficile

Cancro al seno, “farmaco per osteoporosi efficace contro replicazione delle cellule precancerose”

Commenti disabilitati su Cancro al seno, “farmaco per osteoporosi efficace contro replicazione delle cellule precancerose”

Ricerca, “uno studio clinico su 5 in Europa è italiano ma la fuga di cervelli ci costa un miliardo di euro l’anno”

Commenti disabilitati su Ricerca, “uno studio clinico su 5 in Europa è italiano ma la fuga di cervelli ci costa un miliardo di euro l’anno”

Coronavirus, 1 metro di distanza non basta se si alza il vento

Commenti disabilitati su Coronavirus, 1 metro di distanza non basta se si alza il vento

In occasione di “I love Canapina” il menù alla canapa di Felice Arletti

Commenti disabilitati su In occasione di “I love Canapina” il menù alla canapa di Felice Arletti

Tumore al polmone: così le donne mandano in fumo la loro salute

Commenti disabilitati su Tumore al polmone: così le donne mandano in fumo la loro salute

Quel riflesso pavloviano di deplorare appena possibile chi fa del bene al prossimo

Commenti disabilitati su Quel riflesso pavloviano di deplorare appena possibile chi fa del bene al prossimo

Più facile prevenire gli effetti avversi dei farmaci: ci aiuterà un algoritmo

Commenti disabilitati su Più facile prevenire gli effetti avversi dei farmaci: ci aiuterà un algoritmo

Suicidi, l’allarme dell’Oms: nel mondo, ce n’è uno ogni 40 secondi

Commenti disabilitati su Suicidi, l’allarme dell’Oms: nel mondo, ce n’è uno ogni 40 secondi

Tatuaggi, il ministero della Salute ritira e vieta nove pigmenti

Commenti disabilitati su Tatuaggi, il ministero della Salute ritira e vieta nove pigmenti

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti