Il Sindaco di Borgosesia accanto ai diplomati magistrale: “Promuoverò mozione urgente, invito tutti i sindaci a farla”

Ricordiamo che egli stesso nel 2015 con una sentenza aveva confutato e superato questa motivazione e che il diploma magistrale, conseguito entro l’anno 2001/2002 ha, a tutti gli effetti, valore legale e abilitante per l’insegnamento e deve permettere l’accesso alle GaE a tutti coloro che lo hanno conseguito.

Molti insegnanti dopo 10-15 anni di precariato, hanno superato brillantemente un anno di prova a tempo indeterminato e ora, grazie a questa decisione, ritorneranno a fare i precari nelle graduatorie di Istituto. Tanti altri, invece, sono stati costretti a lasciare un posto sicuro nella scuola paritaria per evitare di essere depennati dalla graduatoria. Chi è entrato in ruolo nell’anno scolastico 2015/2016 non ha potuto accedere al concorso 2016 poiché Istanze on line li considerava già a tutti gli effetti personale a tempo indeterminato e non permetteva di compilare l’iscrizione al concorso.

Alla luce di quanto riferito dall’insegnante riguardo la situazione problematica che farebbe perdere oltre alle migliaia di posti di lavoro anche la continuità didattica dei piccoli cittadini, ho deciso – commenta Paolo Tiramani – di promuovere una mozione urgente che presenterò al prossimo Consiglio Comunale per sensibilizzare il problema non solo sul mio territorio ma anche sul territorio nazionale.

Invitiamo tutti i Sindaci e i Consigli Comunali d’Italia a seguire l’esempio di Borgosesia. Matteo Salvini e Riccardo Molinari hanno preso a cuore il problema e io d’accordo con loro voglio portare avanti questa azione di sensibilizzazione.

Il Consiglio dei Ministri, ancora in carica puo’ risolvere la questione con una sanatoria!

Ministro Fedeli cosa sta aspettando?

Dobbiamo garantire ai nostri figli la continuità didattica!

Paolo Tiramani

Sindaco Borgosesia

L’articolo Il Sindaco di Borgosesia accanto ai diplomati magistrale: “Promuoverò mozione urgente, invito tutti i sindaci a farla” sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments
Vai alla barra degli strumenti