Il servizio Dama: ognuno è diverso nell’esercizio dei comuni diritti

Se le persone con disabilità oggi hanno spazi in più per curarsi negli ospedali lo devono anche a Dama – acronimo che in italiano sta per “Assistenza medica avanzata alle persone con disabilità” -, progetto nato nel 2000 all’Ospedale San Paolo di Milano, per consentire alle persone con disabilità grave di essere curate per la loro patologia del momento e non per la loro disabilità, che poteva non avere nulla a che fare con il malessere momentaneo. Antonio Giuseppe Malafarina – che ha visto nascere Dama – ne parla con il fondatore Angelo Mantovani e con l’attuale direttore Filippo Ghelma

Leggi Tutto

Fonte Superando.it

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

Stefano

Related Posts

L’Umbria “in blu”, tra convegni, musica, cinema e camminatori

Commenti disabilitati su L’Umbria “in blu”, tra convegni, musica, cinema e camminatori

Fumetti e altre storie, da gustare in voce

Commenti disabilitati su Fumetti e altre storie, da gustare in voce

Al lavoro per migliorare la norma sul “Dopo di Noi”

Commenti disabilitati su Al lavoro per migliorare la norma sul “Dopo di Noi”

Assistenti all’autonomia e alla comunicazione: essenziali, ma ignorati

Commenti disabilitati su Assistenti all’autonomia e alla comunicazione: essenziali, ma ignorati

Alziamo la voce per la libertà di divertimento

Commenti disabilitati su Alziamo la voce per la libertà di divertimento

Il rischio di dare un duro colpo al volontariato

Commenti disabilitati su Il rischio di dare un duro colpo al volontariato

La ripartizione del Fondo di sostegno per le strutture semiresidenziali

Commenti disabilitati su La ripartizione del Fondo di sostegno per le strutture semiresidenziali

Le Associazioni di Malattie Croniche e Rare raccontano i primi mesi di pandemia

Commenti disabilitati su Le Associazioni di Malattie Croniche e Rare raccontano i primi mesi di pandemia

Una decisione “storica” della Corte di Strasburgo sul diritto allo studio

Commenti disabilitati su Una decisione “storica” della Corte di Strasburgo sul diritto allo studio

La mia “proposta indecente” per valutare gli alunni con disabilità cognitiva

Commenti disabilitati su La mia “proposta indecente” per valutare gli alunni con disabilità cognitiva

Alunni con disabilità a scuola, con un gruppo di compagni e tutti i docenti

Commenti disabilitati su Alunni con disabilità a scuola, con un gruppo di compagni e tutti i docenti

Quando alle persone con disabilità venne negato il diritto al salvataggio

Commenti disabilitati su Quando alle persone con disabilità venne negato il diritto al salvataggio

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti