Il ruolo della comunicazione nel Crisis Management

Gestire le crisi e le emergenze, identificare i protocolli d’azione e intercettare il livello di rischio percepito dall’ambiente esterno sono abilità che le imprese sempre più spesso si trovano a mettere in campo. Oltretutto, in un mondo dove la comunicazione tra organizzazioni e pubblico avviene real time, trovarsi impreparati può provocare danni reputazionali e di business irreversibili.

Il corso proposto da Ferpi dal titolo “Comunicazione in Emergenza”, in programma il 5 aprile a Roma, si propone di fare chiarezza sulle dinamiche in atto nelle situazioni di pericolo, per fornire ai partecipanti conoscenze e competenze in grado di operare in maniera ragionata e coerente, in modo da limitare i danni e da fornire un supporto adeguato a tutti i soggetti coinvolti.

La giornata di Formazione, dalle 09.30 alle 17.30, sarà strutturata in 4 moduli d’approfondimento, guidati da docenti e manager di comunicazione, giornalisti e professionisti operativi nell’ambito della comunicazione dei corpi militari italiani.

Il primo modulo sarà coordinato dalla curatrice del Corso, Letizia di Tommaso, Responsabile Comunicazione e ufficio stampa del Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta. Si inizierà con l’individuazione dei modelli di crisis room e dei protocolli di comunicazione, fondamentali per consentire ai decisori di analizzare il livello di rischio dell’emergenza, pensare a un piano strategico che tenga conto di tutti i soggetti i coinvolti e passare repentinamente alle azioni operative in grado di gestire le conseguenze presenti e future e di garantire una presenza attiva del brand. Interverranno al dibattito: Luca Cari, Responsabile Comunicazione in emergenza dei Vigili del Fuoco, Luigi Norsa di Luigi Norsa & Associati Srl e Cosimo Nicastro, Capo Ufficio Comunicazione MARICOGECAP (Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera).

Dopo l’analisi teorica, il secondo modulo – a cura di Massimo Alesii di Agt Communication – andrà a raccontare i più noti scenari emergenziali italiani e internazionali, per valutare le scelte e gli interventi più adeguati a circoscrivere l’emergenza e a evitare che l’evento catastrofico possa ripercuotersi sulla vita futura dell’azienda. Per i casi di grandi emergenze saranno presenti: Fabio Agostini, Capo Ufficio UPICOM (Uff. Pubblica Infor. Marina Militare); Pierfrancesco De Milito, Capo Ufficio Stampa Dip. di Protezione Civile e Toni Muzi Falconi, Senior Director di Methodos. Per le crisi aziendali interverranno Pier Donato Vercellone, Presidente Ferpi, con il racconto dell’esperienza della Costa Concordia e Rosalba Benedetto, Direttore Comunicazione e Relazioni Esterne del Gruppo Ilva.

Il terzo modulo, a cura di Simonetta Pattuglia, Docente di Marketing e Comunicazione all’Università di Roma Tor Vergata, si focalizzerà sull’individuazione delle parole chiave utilizzati da chi opera nelle relazioni pubbliche. Soprattutto nei contesti di crisi ed emergenza, è fondamentale definire la posizione aziendale e, sul piano della comunicazione, tradurla in un linguaggio adeguato a seconda dei pubblici con cui l’impresa è tenuta a interloquire, dai media ai consumatori, dalle istituzioni agli stakeholder. Parteciperanno alla riflessione Biagio Oppi di Shire con la descrizione dei Protocolli della Global Alliance; Sergio Vazzoler di Amapola con un focus sulle crisi ambientali internazionali e Giulia Pigliucci, Comunicazione e ufficio stampa di FOCSIV con un approfondimento dal titolo “Quando l’emergenza è lontana, protocollo MAECI”.

Infine, il quarto modulo, guidato da Trisha Thomas, Giornalista di Associated Press, approfondirà il rapporto tra organizzazioni e media nelle situazioni di crisi, il quale deve essere di collaborazione efficace e trasparente. La cooperazione tra impresa e mezzi di informazione permette che il messaggio venga espresso e diffuso nel modo migliore possibile, in maniera integrata e utilizzando tutte le piattaforme a disposizione, in modo da fornire informazioni aggiornate e corrette sui provvedimenti intrapresi. Tra i giornalisti che prenderanno parte al confronto ci saranno Luca Calzolari de Il Giornale della Protezione Civile e Maurizio Galluzzo di Emergenza24.

Il corso è aperto a tutti, Soci e Non soci.

Dà diritto al riconoscimento di 100 crediti formativi ai Soci Ferpi ai fini della qualificazione necessaria all’aggiornamento professionale interno.

Per esigenze di natura organizzativa e logistica, il corso si svolgerà solo al raggiungimento di un numero minimo di iscritti.

 


 

 

Sede del corso
Palazzo della Marina Militare
Piazza della Marina, 4
Roma

Informazioni
Tel. 02 58312455
Email: [email protected]

L’articolo Il ruolo della comunicazione nel Crisis Management sembra essere il primo su Ferpi.

Leggi Tutto

Fonte Ferpi

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

portaleducatori

Related Posts

Web: raddoppiati i ragazzi vittime di hate speech

Commenti disabilitati su Web: raddoppiati i ragazzi vittime di hate speech

Il valore della reputazione? Si misura in fiducia e credibilità

Commenti disabilitati su Il valore della reputazione? Si misura in fiducia e credibilità

YouLudi

Commenti disabilitati su YouLudi

Eni celebra la Nazionale di calcio in uno spot con Fabio Capello

Commenti disabilitati su Eni celebra la Nazionale di calcio in uno spot con Fabio Capello

Professioni: anche quest’anno Ferpi al Festival di Trento

Commenti disabilitati su Professioni: anche quest’anno Ferpi al Festival di Trento

Oscar di Bilancio: tutte le novità dell’edizione 2018

Commenti disabilitati su Oscar di Bilancio: tutte le novità dell’edizione 2018

Come cambia il ruolo del comunicatore

Commenti disabilitati su Come cambia il ruolo del comunicatore

L’AVE, un criterio di misurazione superato

Commenti disabilitati su L’AVE, un criterio di misurazione superato

Post Millennial Marketing

Commenti disabilitati su Post Millennial Marketing

Diritto all’oblio, dovere della memoria

Commenti disabilitati su Diritto all’oblio, dovere della memoria

Cibo. Sentire comune o agire comune?

Commenti disabilitati su Cibo. Sentire comune o agire comune?

Open Lobby: al via una survey su lobbying e democrazia

Commenti disabilitati su Open Lobby: al via una survey su lobbying e democrazia

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti