Il lato (ancora più) oscuro del digitale

A solo 4 anni di distanza dalla prima edizione del volume in cui Andrea Granelli documentava e denunciava le criticità del digitale ecco la nuova edizione aggiornata con un apposito capitolo che richiama i lati oscuri che sono emersi con maggiore forza in questo breve lasso di tempo. Due su tutti: il mancato “potenziamento di sé” e la sensazione sempre più netta che la tecnologia non sia al servizio dell’uomo ma piuttosto il suo padrone; il potere più che monopolistico dei “padroni del digitale”.

La dimensione problematica della rivoluzione digitale – il suo lato oscuro – è oramai un tema ineludibile che va compreso all’interno delle più generali dinamiche dell’evoluzione tecnologica.

Questo libro vuole innanzitutto contribuire a leggere il fenomeno nella sua articolazione e complessità per restituirne la ricchezza, l’applicabilità diffusa e anche la sua fascinosità, persino nelle dimensioni più critiche e criticabili. Ma il vero obbiettivo è contribuire a contrastare – non semplicemente riducendolo o esorcizzandolo – il crescente sospetto nei confronti delle Rete e delle sue potenti tecnologie e il timore che le sue promesse non possano essere mantenute. Il tema non è recente ma, nell’ultimo periodo, la sua rilevanza è cresciuta con vigore. Le inesattezze e falsificazioni di Wikipedia, il potere sotterraneo e avvolgente di Google, la fragilità psicologica indotta dagli universi digitali, il finto attivismo politico digitale svelato dall’espressione click-tivism, il diluvio incontenibile della posta elettronica, il pauroso conto energetico dei data centre, i comportamenti scorretti dei nuovi capitani dell’impresa digitale sono solo alcuni dei problemi che stanno emergendo, con sempre maggiore intensità e frequenza.

Che fare allora? Innanzitutto comprendere il fenomeno andando in profondità; non fermandosi alla superficie, spesso luccicante ma ingannevole. E poi (ri)costruire una cultura e una sensibilità al digitale, che ci dia indicazioni su come maneggiarlo e cosa non chiedergli.

Il saggio di Granelli non vuole dunque offrire una banale alfabetizzazione, ma si pone come una vera e propria guida che ci aiuta a cogliere le peculiarità di questo straordinario ecosistema e a gestirne le logiche progettuali e i processi di adozione, tenendo a bada le sue dimensioni problematiche, che vanno comprese e reindirizzate, non semplicemente rimosse.


 


Il lato (ancora più) oscuro del digitale

Nuovo breviario per (soprav)vivere nell’era della Rete
A. Granelli
FrancoAngeli, 2017
pp. 212, € 25,00

L’articolo Il lato (ancora più) oscuro del digitale sembra essere il primo su Ferpi.

Leggi Tutto

Fonte Ferpi

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

portaleducatori

Related Posts

Al via il decimo viaggio verso la professione di UniFerpi Padova

Commenti disabilitati su Al via il decimo viaggio verso la professione di UniFerpi Padova

Superbrands: al via il programma 2019

Commenti disabilitati su Superbrands: al via il programma 2019

Oscar di Bilancio: il 23 novembre la premiazione

Commenti disabilitati su Oscar di Bilancio: il 23 novembre la premiazione

Global Social Innovation

Commenti disabilitati su Global Social Innovation

A Milano il primo centro internazionale per la cultura digitale

Commenti disabilitati su A Milano il primo centro internazionale per la cultura digitale

Aziende & bilanci: cercasi una narrazione diversa

Commenti disabilitati su Aziende & bilanci: cercasi una narrazione diversa

Premio Fair Play Menarini: l’impegno sociale passa anche dallo sport

Commenti disabilitati su Premio Fair Play Menarini: l’impegno sociale passa anche dallo sport

Relazioni Istituzionali: il racconto della giornata

Commenti disabilitati su Relazioni Istituzionali: il racconto della giornata

All’O.Ma.R l’InspiringPR Award per la miglior campagna di relazioni pubbliche

Commenti disabilitati su All’O.Ma.R l’InspiringPR Award per la miglior campagna di relazioni pubbliche

I social non esistono

Commenti disabilitati su I social non esistono

Credimi, sto mentendo. Vent’anni di relazioni pubbliche

Commenti disabilitati su Credimi, sto mentendo. Vent’anni di relazioni pubbliche

A Trento, profit e non profit sempre più vicini

Commenti disabilitati su A Trento, profit e non profit sempre più vicini

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti