Il dilemma dello spazio, del tempo, delle persone: “Incontrarsi e dirsi addio” di Ferenç Körmendi (1938)

        Lo confesso: ho un attaccamento morboso ai miei libri. In genere, non li presto; e quando sono costretto ad affidarne uno ad una persona cui non posso dire di no, per tutto il tempo in cui è nelle sue mani io non sto bene, come se mi fossi privato temporaneamente di un mio bambino, o di una parte di me.

leggi tutto

Leggi Tutto

Fonte

Powered by WPeMatico

Facebook Comments
Vai alla barra degli strumenti