“Il cervello delle persone diventate cieche può resettarsi e imparare di nuovo a vedere”

“Il cervello delle persone diventate cieche può resettarsi e imparare di nuovo a vedere”

Commenti disabilitati su “Il cervello delle persone diventate cieche può resettarsi e imparare di nuovo a vedere”

Restituire la vista a chi l’ha persa. La ricerca continua a fare passi avanti: ci sono trattamenti con cellule staminali e anche la terapia genica a livello sperimentale si mostra efficace. Adesso uno studio italiano sembra aprire un nuovo percorso con l’uso di sofisticate protesi. Il cervello delle persone diventate cieche, secondo lo studio coordinato da Maria Concetta Morrone dell’università di Pisa e pubblicato su Plos Biology, può resettarsi e rimparare a vedere: le aree cerebrali della visione, anche a dopo anni di ‘abbandono’, possono riprogrammarsi e tornare alle loro funzioni originarie.

Spesso la cecità è dovuta a problemi alla retina, degenerazioni che colpiscono la struttura dell’occhio senza creare danni ai nervi che trasmettono i segnali o all’area del cervello dedicata alla visione. Ma molto rapidamente il cervello converte i neuroni usati per elaborare immagini dedicandoli ad altre mansioni portando alla completa perdita della funzione.

La ricerca, pubblicata su Plos Biology, ha dimostrato ora per la prima volta che questi neuroni sono però in grado di essere resettati e tornare al loro compito primario. Una scoperta, nata dalla collaborazione con Istituto di Neuroscienze del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr), azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi e l’istituto di ricerca Stella Maris di Pisa, che dimostra l’incredibile plasticità del cervello anche in età adulta e soprattutto indica nella nascente tecnologia di protesi per cechi (formate da una telecamera e un chip da impiantare nell’occhio) una possibile soluzione per aiutare a combattere la cecità.

“Quando una persona perde la vista le aree del cervello dedicate a elaborare le informazioni visive vengono riprogrammate per altre funzioni, ad esempio per il tatto o l’udito – ha osservato Guido Marco Cicchini, dell’Istituto di Neuroscienze del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr) e uno degli autori dello studio intervistato dall’Ansa. “Dopo aver impiantato delle speciali protesi, fatte da un chip posto sul fondo dell’occhio che invia i dati presi da una piccola telecamera, e grazie all’esercizio, le aree cerebrali ‘abbandonate’ tornano alla loro funzione visiva. La stimolazione le porta a riorganizzarsi”. Una scoperta che potrebbe aiutare le persone colpite dalla cecità causata dalla lenta e progressiva degenerazione della retina, come nel caso della retinite pigmentosa. Questa malattia degenerativa, che in Italia colpisce una persona su 15.000, porta alla distruzione dei sensori di luce che si trovano nella retina senza però danneggiare i percorsi di collegamento con il cervello.

L’articolo “Il cervello delle persone diventate cieche può resettarsi e imparare di nuovo a vedere” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Facebook Comments

F. Q.

Related Posts

Nasa, dopo viaggio nello spazio i gemelli astronauti non sono più identici

Commenti disabilitati su Nasa, dopo viaggio nello spazio i gemelli astronauti non sono più identici

San Lorenzo, arriva la notte delle stelle cadenti ma il picco non sarà il 10 agosto

Commenti disabilitati su San Lorenzo, arriva la notte delle stelle cadenti ma il picco non sarà il 10 agosto

Intelligenza artificiale, “due robot Facebook hanno dialogato in una lingua sconosciuta”

Commenti disabilitati su Intelligenza artificiale, “due robot Facebook hanno dialogato in una lingua sconosciuta”

Memoria, i volti dei cattivi? “Indimenticabili”. La ricerca: “I pregiudizi negativi restano impressi nella mente”

Commenti disabilitati su Memoria, i volti dei cattivi? “Indimenticabili”. La ricerca: “I pregiudizi negativi restano impressi nella mente”

Alzheimer, farmaco “rallenta il declino cognitivo dopo un anno”. Università di Zurigo: test sui pazienti “incoraggianti”

Commenti disabilitati su Alzheimer, farmaco “rallenta il declino cognitivo dopo un anno”. Università di Zurigo: test sui pazienti “incoraggianti”

Premio Galeno 2016, vince ricerca italiana con cellule staminali: restituisce la vista dopo gravi ustioni alla cornea

Commenti disabilitati su Premio Galeno 2016, vince ricerca italiana con cellule staminali: restituisce la vista dopo gravi ustioni alla cornea

Milano, bimbo con difetto congenito al cuore salvato con una procedura riservata agli adulti: prima volta a livello mondiale

Commenti disabilitati su Milano, bimbo con difetto congenito al cuore salvato con una procedura riservata agli adulti: prima volta a livello mondiale

Procreazione con tre Dna, nato il primo bambino: ora ha cinque mesi e sta bene

Commenti disabilitati su Procreazione con tre Dna, nato il primo bambino: ora ha cinque mesi e sta bene

Alzheimer, “rischio tsunami neurologico, se non si adottano politiche adeguate”. Appello degli scienziati ai leader del G7

Commenti disabilitati su Alzheimer, “rischio tsunami neurologico, se non si adottano politiche adeguate”. Appello degli scienziati ai leader del G7

Asteroid Day 2016, individuato un piccolo asteroide sconosciuto “compagno” della Terra: “È quasi un satellite” (VIDEO)

Commenti disabilitati su Asteroid Day 2016, individuato un piccolo asteroide sconosciuto “compagno” della Terra: “È quasi un satellite” (VIDEO)

Teletrasporto, Nature: “Per la prima volta un trasferimento di quanti attraverso fibre ottiche casalinghe”

Commenti disabilitati su Teletrasporto, Nature: “Per la prima volta un trasferimento di quanti attraverso fibre ottiche casalinghe”

Alzheimer, “farmaco frena la malattia”. Garattini: “Dati incoraggianti ma bisogna aspettare”

Commenti disabilitati su Alzheimer, “farmaco frena la malattia”. Garattini: “Dati incoraggianti ma bisogna aspettare”

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti