Il calo demografico e l’amara situazione della scuola italiana. Lettera

Lettera

Un trend negativo che negli anni a venire si farà pesantemente sentire ripercuotendosi sulle iscrizioni degli alunni nei diversi gradi dell’istruzione.

Si tratta di un calo demografico fisiologico dettato ovviamente dal numero dei figli per donna (1,24) che causerà nella scuola un vero e proprio terremoto sulla formazione delle classi. In questi anni il fenomeno ha interessato i piccoli e medi centri urbani, in cui si è assistito ad un’aggregazione di istituti scolastici che ha portato alla nascita degli Istituti Comprensivi (Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado) con un unico Dirigente Scolastico.

Ora il fenomeno si sta gradualmente estendendo anche ai grandi centri urbani che devono, purtroppo, fare i conti con la formazione delle classi. Un andamento, quello del decremento demografico, di cui si parla poco in ambienti scolastici ma che piano piano si sta rivelando una vera emergenza per la scuola italiana. L’andamento negativo delle nascite viene in parte attenuato dalle presenze di alunni stranieri che nascono e dimorano in Italia, ma anche questo fattore rischia in futuro di non avere ricadute positive in termini di iscrizione degli alunni. Questo dato deve far riflettere molto il MIUR per quanto attiene l’abbassamento del numero di alunni per classe, in modo tale da salvaguardare l’organico di diritto, di fatto e di potenziamento delle scuole.

Non sono, d’altronde, più tollerabili numeri elevati di alunni per classe che superano le trenta unità e occorre mettere mano al famigerato ed iniquo problema delle classi pollaio, che va ad intaccare anche la sicurezza degli alunni all’interno delle aule. Occorre urgentemente abbassare il numero degli alunni nelle aule per stabilizzare i docenti a tempo indeterminato e creare opportunità lavorative per i supplenti a tempo determinato, garantendo una equa mobilità degli insegnanti che sono stati costretti dall’algoritmo impazzito della riforma della “Buona Scuola” a lasciare gli affetti più cari per trasferirsi al Nord.

Quindi bisogna rivedere, alla luce dei dati diffusi dall’Istat sulla denatalità, tutta la politica scolastica attraverso l’adozione di misure giuste ed indolori. Altrimenti di questo passo il sistema scolastico italiano imploderà e i dolori saranno molto forti.

L’articolo Il calo demografico e l’amara situazione della scuola italiana. Lettera sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

M5S: grazie a noi concorsi meritocratici e aggiornamento graduatorie provinciali

Commenti disabilitati su M5S: grazie a noi concorsi meritocratici e aggiornamento graduatorie provinciali

Forza Italia: per diplomati magistrale soluzione è concorso riservato

Commenti disabilitati su Forza Italia: per diplomati magistrale soluzione è concorso riservato

ATA, Miur autorizza supplenze collaboratori scolastici su posti accantonati ex LSU fino a max 29 febbraio. Ecco dove

Commenti disabilitati su ATA, Miur autorizza supplenze collaboratori scolastici su posti accantonati ex LSU fino a max 29 febbraio. Ecco dove

Sit – in davanti al MIUR dei lavoratori delle pulizie non pagati da giugno

Commenti disabilitati su Sit – in davanti al MIUR dei lavoratori delle pulizie non pagati da giugno

Legge lettura approvata al Senato, M5S: nascerà la Capitale italiana del libro

Commenti disabilitati su Legge lettura approvata al Senato, M5S: nascerà la Capitale italiana del libro

Un “virus” DAD ha contaminato la scuola, effetti e conseguenze: si lavora il doppio, stress da disconnessione

Commenti disabilitati su Un “virus” DAD ha contaminato la scuola, effetti e conseguenze: si lavora il doppio, stress da disconnessione

Pensione a 67 anni senza 20 anni di contributi, le alternative

Commenti disabilitati su Pensione a 67 anni senza 20 anni di contributi, le alternative

Regionalizzazione scuola, Bussetti: convincerò sindacati. Gilda: solo fiato sprecato

Commenti disabilitati su Regionalizzazione scuola, Bussetti: convincerò sindacati. Gilda: solo fiato sprecato

Qual è il ruolo delle emozioni nell’apprendimento? L’apprendimento multisensoriale creativo. Video conferenza

Commenti disabilitati su Qual è il ruolo delle emozioni nell’apprendimento? L’apprendimento multisensoriale creativo. Video conferenza

Prof sospesa, “non accetto atti di clemenza”. Legali del Ministero incontrano gli avvocati per evitare il ricorso

Commenti disabilitati su Prof sospesa, “non accetto atti di clemenza”. Legali del Ministero incontrano gli avvocati per evitare il ricorso

Commissione esame secondaria I grado: dubbi su partecipazione del docente di religione cattolica

Commenti disabilitati su Commissione esame secondaria I grado: dubbi su partecipazione del docente di religione cattolica

Pensioni. Controlla i tuoi contributi versati. [GUIDA INPS]

Commenti disabilitati su Pensioni. Controlla i tuoi contributi versati. [GUIDA INPS]

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti