I test di accesso alle Università chiedono le conoscenze, non le competenze. Lettera

Bisogna tornare a valorizzare le conoscenze, dare il giusto peso e valore al sapere disciplinare piuttosto che arrovellarsi dietro il paravento delle competenze.

Gli studenti che escono dagli Esami di Maturità e si accingono ad intraprendere la carriera universitaria in alcuni corsi di laurea dovranno inevitabilmente imbattersi in quesiti a risposta multipla per le prove di accesso e l’unica strada indicata è quella della conoscenza degli argomenti non della competenza.

Il quiz non ti chiede che competenze hai e che abilità possiedi, ma ti chiede unicamente che cosa sai, se questa risposta la sai dare perché hai studiato le discipline o non perché hai una specifica competenza in un determinato campo.

Torniamo, dunque, ad abituare i nostri alunni ad acquisire le conoscenze, in chimica, in matematica, in arte, in storia, nelle lingue straniere attraverso lo studio delle regole della disciplina da applicare successivamente alla pratica.

Ad esempio: in geometria come può lo studente risolvere un problema sul teorema di Pitagora se prima non conosce la formula per applicare nell’esercizio il teorema.

Con la sola competenza l’alunno non lo applicherà mai se prima non impara la formula per risolverlo. Quindi prima la teoria e poi la pratica.

Invece oggi i docenti devono lambiccarsi il cervello in mille teorie psico-pedagogiche che dicono spesso tutto e il contrario di tutto.

Non dobbiamo meravigliarci che il livello di apprendimento degli alunni è sempre più basso.

Ci vogliono le conoscenze basilari di tutte le discipline altrimenti lo studente che un domani esce dalla scuola superiore con la Maturità, oppure dall’Università con la laurea e si affaccia al mondo del lavoro per presentarsi ad una selezione o ad un concorso pubblico si troverà a sbattere la testa contro la dura e amarissima realtà: quella di non saper rispondere ai quesiti di cultura generale perché non possiede, ahimè, le conoscenze disciplinari, ossia non conosce argomenti, cause, problemi, regole grammaticali e sintattiche da applicare nelle risposte ai quesiti proposti.

Cerchiamo, dunque, di dare una svolta decisiva alla scuola italiana che è sprofondata nel baratro e non troverà un vicolo d’uscita dal tunnel in cui si trova. La prova schiacciante di questa miserevole condizione dei nostri studenti, o meglio il termometro della situazione ce li hanno forniti i testi Invalsi che ha radiografato il livello degli apprendimenti.

Torniamo a dare valore alle conoscenze perché soltanto quelle contano quando i nostri giovani dovranno cimentarsi con il mondo del lavoro presentandosi a concorsi e selezioni per posti pubblici e privati.

L’articolo I test di accesso alle Università chiedono le conoscenze, non le competenze. Lettera sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Azzolina: scuola italiana già innovativa, va sostenuta e finanziata

Commenti disabilitati su Azzolina: scuola italiana già innovativa, va sostenuta e finanziata

Supplenze, UIL: nuove regole, procedure stravolte, penalizzati i docenti precari storici

Commenti disabilitati su Supplenze, UIL: nuove regole, procedure stravolte, penalizzati i docenti precari storici

Assistente Amministrativo in smart working lavora anche di sera: ha diritto allo straordinario?

Commenti disabilitati su Assistente Amministrativo in smart working lavora anche di sera: ha diritto allo straordinario?

Coronavirus, lockdown fino a 3 maggio ma librerie e cartolerie potrebbero riaprire da martedì 14 aprile. Attesa conferenza stampa di Conte

Commenti disabilitati su Coronavirus, lockdown fino a 3 maggio ma librerie e cartolerie potrebbero riaprire da martedì 14 aprile. Attesa conferenza stampa di Conte

Sei un buon maestro? Ecco quali sono le qualità per esserlo

Commenti disabilitati su Sei un buon maestro? Ecco quali sono le qualità per esserlo

Ministro, si rinvii al prossimo anno scolastico l’insegnamento dell’Educazione civica. Lettera

Commenti disabilitati su Ministro, si rinvii al prossimo anno scolastico l’insegnamento dell’Educazione civica. Lettera

Concorso docenti infanzia e primaria, i posti saranno 16.959. Per secondaria 48.535

Commenti disabilitati su Concorso docenti infanzia e primaria, i posti saranno 16.959. Per secondaria 48.535

Mobilità: il docente “figlio referente unico” che assiste genitore disabile ha diritto alla precedenza nel trasferimento

Commenti disabilitati su Mobilità: il docente “figlio referente unico” che assiste genitore disabile ha diritto alla precedenza nel trasferimento

In Danimarca riaprono scuole: classi divise in 2-3 sottogruppi, distanza alunni di 2 metri

Commenti disabilitati su In Danimarca riaprono scuole: classi divise in 2-3 sottogruppi, distanza alunni di 2 metri

In G.U. decreti presidenziali di nomina dei ministri Azzolina e Manfredi

Commenti disabilitati su In G.U. decreti presidenziali di nomina dei ministri Azzolina e Manfredi

Dal coding alla robotica, alla comunicazione in classe: 11 corsi GRATUITI di OrizzonteScuola

Commenti disabilitati su Dal coding alla robotica, alla comunicazione in classe: 11 corsi GRATUITI di OrizzonteScuola

Maturità 2019, docente che rientra dopo inizio esami non può essere nominato. Le condizioni ostative

Commenti disabilitati su Maturità 2019, docente che rientra dopo inizio esami non può essere nominato. Le condizioni ostative

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti