I posti di sostegno in deroga devono essere assegnati prioritariamente ai docenti di ruolo

Col provvedimento del Giudice Camilla Stefanizzi, è stato dunque ordinato all’Ufficio scolastico regionale della Calabria e all’Ambito territoriale provinciale di Crotone di assegnare la docente per l’anno scolastico 2017/2018 ad un posto disponibile nella provincia di Crotone, ottenendo così il ricongiungimento familiare che le era stato negato dall’Amministrazione.

Infatti, il Ministero dell’Istruzione, una volta esauriti i docenti in possesso del titolo di specializzazione sul sostegno, copre i posti residui stipulando nuovi contratti a tempo determinato con i docenti supplenti non specializzati inseriti nelle graduatorie ad esaurimento e nelle graduatorie di istituto, tralasciando di chiamare i docenti di ruolo che hanno richiesto l’assegnazione provvisoria per motivi di ricongiungimento familiare.

“È un’altra battaglia vinta contro gli effetti irragionevoli della cosiddetta Buona Scuola – commenta l’Avv. Liperoti – che ha creato una situazione di disagio sociale nel personale della scuola, costringendo i docenti che volevano essere assunti ad emigrare verso il Nord Italia, smembrando le famiglie, frustrando i legami affettivi e negando persino le assegnazioni provvisorie quando ci sono posti disponibili nella propria provincia di residenza”.

È stata affermata, dunque, anche per l’anno scolastico in corso, l’operatività del principio, già dichiarato l’anno scorso dal Tribunale di Reggio Emilia e dal Tribunale di Verona, che, a parità di titoli, anche sui posti di sostegno, vengono prima i docenti di ruolo.
L’ufficio scolastico provinciale si è difeso in giudizio sostenendo la correttezza delle operazioni compiute, ma il Tribunale di Monza ha dato ragione alla tesi sostenuta dal difensore dell’insegnante, che ora potrà rientrare dalla Lombardia in Calabria.

L’articolo I posti di sostegno in deroga devono essere assegnati prioritariamente ai docenti di ruolo sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Facebook Comments

redazione

Related Posts

Ciracì (MiSoS): bene continuità didattica su sostegno, ma non basta

Commenti disabilitati su Ciracì (MiSoS): bene continuità didattica su sostegno, ma non basta

FFF a Fioramonti, bene permettere giustificazione, ma ora passiamo ai fatti

Commenti disabilitati su FFF a Fioramonti, bene permettere giustificazione, ma ora passiamo ai fatti

La figura del mediatore professionista nell’ambito del nostro sistema scolastico. Lettera

Commenti disabilitati su La figura del mediatore professionista nell’ambito del nostro sistema scolastico. Lettera

Dal Web agli schemi al testo: come apprende la Generazione Z

Commenti disabilitati su Dal Web agli schemi al testo: come apprende la Generazione Z

Limonta (Edilizia Milano): il 20% delle scuole non garantisce il distanziamento

Commenti disabilitati su Limonta (Edilizia Milano): il 20% delle scuole non garantisce il distanziamento

Eurostat, Italia penultima in Ue per laureati: soltanto 27% conclude università

Commenti disabilitati su Eurostat, Italia penultima in Ue per laureati: soltanto 27% conclude università

Negato il docente di sostegno a casa ad una bimba operata alla spina dorsale

Commenti disabilitati su Negato il docente di sostegno a casa ad una bimba operata alla spina dorsale

Coronavirus, anche la paura può essere contagiosa. Sia occasione per educazione emotiva

Commenti disabilitati su Coronavirus, anche la paura può essere contagiosa. Sia occasione per educazione emotiva

Ecco perchè non si possono perquisire gli zaini degli alunni

Commenti disabilitati su Ecco perchè non si possono perquisire gli zaini degli alunni

Paita (IV), governo sblocchi subito fondi per sicurezza

Commenti disabilitati su Paita (IV), governo sblocchi subito fondi per sicurezza

Carta docente bonus 500, somme 2017/18 vanno spese entro il 31 agosto. Cosa acquistare

Commenti disabilitati su Carta docente bonus 500, somme 2017/18 vanno spese entro il 31 agosto. Cosa acquistare

Azzolina (M5S): addio chiamata diretta della “mala scuola” di Renzi

Commenti disabilitati su Azzolina (M5S): addio chiamata diretta della “mala scuola” di Renzi

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti