I giovani non sanno scrivere: colpa dei docenti e della scuola? Anche. Lettera

Lettera

I veri avversari della lingua italiana non sono gli strumenti tecnologici che l’uomo moderno ha a sua disposizione. Tutt’altro. Essi consentono di accedere a conoscenze finora inaccessibili ai più.  Chi scrive ritiene che i veri avversari della lingua italiana, dello  scrivere, saper interpretare un testo, non  siano i media  ma tutti i soggetti che non sanno trasmettere l’amore per la lingua  madre. E il primo insegnamento- credo da “somministrare”  sin dalla tenera età sia quello incentrato ad affezionarsi alle regole che sovraintendono al nostro dire, al nostro saper comunicare utilizzando la comune lingua .

Il grande Umberto  Eco, parlando di   internet  diceva . «I social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività. Venivano subito messi a tacere, mentre ora hanno lo stesso diritto di parola di un Premio Nobel. È l’invasione degli imbecilli».

Su Internet ci saranno certamente  soggetti che non contribuiscono a migliorare la lingua ma è altrettanto vero  che molti la onorano e la promuovono nello stile e nella comprensione. I buoni e cattivi maestri si incontrano in tutte le piattaforme della vita e nel mondo virtuale.

Ricordo a me stesso ma soprattutto a chi si annoia nel praticare l’arte  dello scrivere e leggere che ricorrere giornalmente a questo esercizio fa bene alla salute, fa bene dentro e di conseguenza, fa bene anche fuori.  Protegge la salute della mente e allontana la demenza. Sovente ci rilassa e ci aiuta a buttare fuori le sensazioni, le energie che possono nuocer allo spirito e nel contempo, leggere un buon libro, può consentire mettere dentro  energie che possono contribuire a migliorare la nostra quotidianità e il nostro benessere.

Saper scrivere inoltre è un’arte che si affina nella palestra della cultura e della conoscenza, partendo dalla conoscenza della  propria lingua.

Di Umberto Eco piace ricordare le 40 regole per parlare bene in italiano . Ricordiamole insieme:

  1. Evita le allitterazioni, anche se allettano gli allocchi.
  2. Non è che il congiuntivo va evitato, anzi, che lo si usa quando necessario.
  3. Evita le frasi fatte: è minestra riscaldata.
  4. Esprimiti siccome ti nutri.
  5. Non usare sigle commerciali & abbreviazioni etc.
  6. Ricorda (sempre) che la parentesi (anche quando pare indispensabile) interrompe il filo del discorso.
  7. Stai attento a non fare… indigestione di puntini di sospensione.
  8. Usa meno virgolette possibili: non è “fine”.
  9. Non generalizzare mai.
  10. Le parole straniere non fanno affatto bon ton.
  11. Sii avaro di citazioni. Diceva giustamente Emerson: “Odio le citazioni. Dimmi solo quello che sai tu.”
  12. I paragoni sono come le frasi fatte.
  13. Non essere ridondante; non ripetere due volte la stessa cosa; ripetere è superfluo (per ridondanza s’intende la spiegazione inutile di qualcosa che il lettore ha già capito).
  14. Solo gli stronzi usano parole volgari.
  15. Sii sempre più o meno specifico.
  16. L’iperbole è la più straordinaria delle tecniche espressive.
  17. Non fare frasi di una sola parola. Eliminale.
  18. Guardati dalle metafore troppo ardite: sono piume sulle scaglie di un serpente.

L’articolo I giovani non sanno scrivere: colpa dei docenti e della scuola? Anche. Lettera sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

L’inutilità dei corsi di recupero estivi di una settimana. Lettera

Commenti disabilitati su L’inutilità dei corsi di recupero estivi di una settimana. Lettera

Concorso straordinario infanzia e primaria, ecco le graduatorie. Inserita Campania

Commenti disabilitati su Concorso straordinario infanzia e primaria, ecco le graduatorie. Inserita Campania

Precariato, UGL: bene bandi concorso, ma ora aggiornamento graduatorie d’istituto

Commenti disabilitati su Precariato, UGL: bene bandi concorso, ma ora aggiornamento graduatorie d’istituto

Coronavirus: Toccafondi, no alla maturità on-line

Commenti disabilitati su Coronavirus: Toccafondi, no alla maturità on-line

Coronavirus, docenti neoimmessi in ruolo: incontri formativi possono proseguire, ma solo in modalità telematica

Commenti disabilitati su Coronavirus, docenti neoimmessi in ruolo: incontri formativi possono proseguire, ma solo in modalità telematica

Mobilità e graduatoria interna di istituto, domande online e cartacee

Commenti disabilitati su Mobilità e graduatoria interna di istituto, domande online e cartacee

Viceministro e sottosegretari Miur, Pittoni (Lega): “Con le nomine odierne, Grillo riconsegna la scuola ai suoi carnefici”

Commenti disabilitati su Viceministro e sottosegretari Miur, Pittoni (Lega): “Con le nomine odierne, Grillo riconsegna la scuola ai suoi carnefici”

Libri Salvati edizione 2020, reading on line

Commenti disabilitati su Libri Salvati edizione 2020, reading on line

Diplomati magistrale in ruolo con riserva, rigettati nel precariato. Lettera

Commenti disabilitati su Diplomati magistrale in ruolo con riserva, rigettati nel precariato. Lettera

M5S, grazie a noi scongiurato rischio divario Nord – Sud

Commenti disabilitati su M5S, grazie a noi scongiurato rischio divario Nord – Sud

Coronavirus, alla Maturità potrebbe esserci soltanto l’orale? Nuove date prove Invalsi

Commenti disabilitati su Coronavirus, alla Maturità potrebbe esserci soltanto l’orale? Nuove date prove Invalsi

Ancodis: sciopero 17 maggio per riconoscimento nostro ruolo

Commenti disabilitati su Ancodis: sciopero 17 maggio per riconoscimento nostro ruolo

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti