I 24 CFU rimangono ancora requisito essenziale per la partecipazione al Concorso Scuola: Scopri come conseguirli in tutta Italia con Eiform.it

I 24 CFU sono ancora necessari. Nella nuova Legge di Bilancio approvata a inizio 2019, è inserito anche il nuovo Concorso Scuola 2019 per l’insegnamento alle medie e alle superiori, come già annunciato dal Ministro Bussetti, e i 24 CFU sono ancora tra i requisiti di partecipazione.

Concorso Scuola 2019: requisiti di partecipazione

E’ possibile accedere al Concorso Scuola 2019 se si è in possesso di una laurea magistrale, specialistica o vecchio ordinamento che dia l’accesso a una classe di concorso, ovvero all’insegnamento di una determinata materia, insieme al possesso dei 24 CFU in materie socio-psico-pedagogiche.

È altresì possibile partecipare se si è in possesso dell’abilitazione specifica per l’insegnamento.

Per quanto riguarda i posti di sostegno, oltre ai requisiti sopra, è necessaria la specializzazione al sostegno.

Riconoscimento e certificazione dei 24 CFU

Una volta appurato che nel proprio piano di studi sono presenti tutti o in parte i 24 CFU richiesti, è necessaria una certificazione di riconoscimento dei 24 CFU già conseguiti che può essere prodotta esclusivamente dall’università presso la quale si sono conseguiti i CFU.

Per il riconoscimento dei 24 CFU deve essere richiesta quindi la “Certificazione di conformità degli obiettivi formativi e contenuti didattici” in base al decreto 616/17 presso l’ateneo dove sono stati sostenuti gli esami.

Il fatto che il settore disciplinare sia lo stesso, ad esempio M/PED-03, non implica per forza che i crediti siano riconosciuti dall’università competente. Infatti, i settori disciplinari (SSD) possono essere quelli richiesti, ma le materie e gli argomenti di insegnamento del programma potrebbero essere differenti da quelli richiesti dal Ministero per quanto concerne i 24 CFU. In questo caso l’università può avvalersi della facoltà di non riconoscere i crediti conseguiti.

Cosa fare se mancano dei crediti necessari

In caso manchino dei crediti necessari per l’accesso alla propria Classe di Concorso, è possibile conseguirli sostenendo degli esami integrativi in tutta Italia. Stesso discorso vale per i 24CFU: sia che ne manchi una parte (ad esempio 6, 12 o 18) sia che si debbano conseguire tutti e 24, è possibile farlo con i corsi online per 24 CFU di Eiform.it

I corsi per i 24 CFU

È ancora possibile iscriversi ai corsi per il conseguimento dei 24 CFU attivati dall’Università eCampus in discipline antropo-psico-pedagogiche ed in metodologie e tecnologie didattiche, requisito fondamentale di accesso al Concorso Scuola.

Le iscrizioni possono essere effettuate anche per corsi singoli, per 6, 18 o 24 CFU.

Si sottolinea che il Decreto Ministeriale 616/2017 non stabilisce alcun obbligo di frequenza per il corsista.

Le sessioni d’esame sono attive e continueranno a essere aperte nei prossimi mesi nelle principali città italiane.

Le iscrizioni ai corsi singoli 24 CFU – sono aperte.

Per informazioni e iscrizioni chiama ora 06 92936910

WhatsApp Veloce: 3499377270

MAIL: [email protected]

Eiform.it è anche su Facebook.  Seguici su Facebook Forma Docenti  per restare aggiornato sulle nostre offerte formative.

L’articolo I 24 CFU rimangono ancora requisito essenziale per la partecipazione al Concorso Scuola: Scopri come conseguirli in tutta Italia con Eiform.it sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Concorso dirigenti scolastici, proposta corso-concorso per ricorrenti fermati alla prova orale

Commenti disabilitati su Concorso dirigenti scolastici, proposta corso-concorso per ricorrenti fermati alla prova orale

Bullismo, Tiziano Ferro “le parole hanno un peso”

Commenti disabilitati su Bullismo, Tiziano Ferro “le parole hanno un peso”

Supplenze, al rientro dalle vacanze contratto supplente va confermato

Commenti disabilitati su Supplenze, al rientro dalle vacanze contratto supplente va confermato

La didattica a distanza ci fa comprendere l’importanza dell’intervallo a scuola. Lettera

Commenti disabilitati su La didattica a distanza ci fa comprendere l’importanza dell’intervallo a scuola. Lettera

La trasformazione digitale e tecnologica è didattica a distanza. Lettera

Commenti disabilitati su La trasformazione digitale e tecnologica è didattica a distanza. Lettera

Mattarella: la cultura si nutre di confronto, cresce nel dialogo e nelle relazioni

Commenti disabilitati su Mattarella: la cultura si nutre di confronto, cresce nel dialogo e nelle relazioni

Erasmus+: partiranno oltre 4.200 docenti italiani. Regioni più attive Campania, Sicilia e Lazio

Commenti disabilitati su Erasmus+: partiranno oltre 4.200 docenti italiani. Regioni più attive Campania, Sicilia e Lazio

Più soldi per la scuola, Fioramonti: tassa di un euro per i voli nazionali

Commenti disabilitati su Più soldi per la scuola, Fioramonti: tassa di un euro per i voli nazionali

DSA, per quali strumenti compensativi spettano le detrazioni. Risposta Agenzia Entrate

Commenti disabilitati su DSA, per quali strumenti compensativi spettano le detrazioni. Risposta Agenzia Entrate

Il vescovo: per insegnare religione occorre passione e aggiornamento

Commenti disabilitati su Il vescovo: per insegnare religione occorre passione e aggiornamento

Mobilità, docente che assiste il padre disabile grave ha diritto a precedenza. Sentenza

Commenti disabilitati su Mobilità, docente che assiste il padre disabile grave ha diritto a precedenza. Sentenza

Fioramonti: abbiamo i docenti meno pagati d’Europa, pochi laureati, povertà educativa. Sugar tax serve alla scuola

Commenti disabilitati su Fioramonti: abbiamo i docenti meno pagati d’Europa, pochi laureati, povertà educativa. Sugar tax serve alla scuola

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti