Graduatoria interna di istituto, chi deve stare all’ultimo posto

Uno degli errori che si ripete con frequenza è considerare il docente arrivato nella scuola il 1/9/2018, perché trasferito d’ufficio o a domanda condizionata, come ultimo arrivato e quindi collocato in coda alla graduatoria interna di istituto.

Così non è ed è bene che i docenti interessati facciano poi reclamo o che le scuole che non hanno ancora predisposto le graduatorie stiano attenti a questi casi.

QUALI DOCENTI DEVONO ESSERE INDIVIDUATI PERDENTI POSTO

I primi docenti individuati perdenti posto sono:
• i docenti con rapporto di lavoro a tempo indeterminato entrati a far parte dell’organico dell’autonomia o delle singole sedi di organico dei centri territoriali riorganizzati nei centri provinciali per l’istruzione degli adulti con decorrenza dal precedente primo settembre (2018) per mobilità a domanda volontaria. Sono compresi i neo immessi in ruolo (GAE e concorso 2016).
Successivamente sono individuati perdenti posto:
• i docenti con rapporto di lavoro a tempo indeterminato entrati a far parte dell’organico dell’autonomia o delle singole sedi di organico dei centri territoriali riorganizzati nei centri provinciali per l’istruzione degli adulti dagli anni scolastici precedenti quello di cui al punto sopra (dal 2017 a ritroso), ovvero dal precedente primo settembre (2018) per mobilità d’ufficio o a domanda condizionata, ancorché soddisfatti in una delle preferenze espresse.

IL DOCENTE PERDENTE POSTO DEL 2017/18 CHE È STATO TRASFERITO D’UFFICIO L’1/9/2018

Appare quindi chiaro che i docenti arrivati nella scuola dal precedente primo settembre rispetto al momento in cui si determina la graduatoria, ovvero 1/9/2018, perché trasferiti d’ufficio o a domanda condizionata sono considerati docenti facenti già parte dell’organico e quindi non ultimi arrivati a domanda volontaria. Non possono quindi essere considerati in coda alla graduatoria.

IL DOCENTE PERDENTE POSTO DEL 2016/17 CHE PER 8 ANNI RICHIEDE IL RIENTRO

Diverso invece è il caso del docente che era già perdente posto da almeno il 2016/17 a ritroso e che aveva prodotto domanda online di rientro. Tale docente se arrivato l’1/9/18 perché aveva espresso l’attuale scuola nelle preferenze, ovviamente in subordine alla scuola di ex titolarità in cui chiedeva di rientrare e non è rientrato per mancanza di posti, allora è considerato a domanda volontaria. Deve essere considerato in coda alla graduatoria.

2 esempi

1.  Il docente trasferito d’ufficio o a domanda condizionata l’1//9/2018 è quel docente che è stato dichiarato perdente posto nel marzo/aprile 2018, ovvero nell’anno scolastico 2017/18.
Tale docente ha prodotto domanda cartacea e non essendosi poi liberato il posto in organico di diritto nella propria scuola, è stato trasferito d’ufficio oppure soddisfatto in una delle preferenze espresse nel modulo cartaceo (a “domanda condizionata”). Quindi arriva nella nuova scuola l’1/9/2018 acquisendo per la prima volta una nuova titolarità (per il 2019/20 è la prima volta che richiede il rientro nell’ex scuola).
2. il docente che è già perdente posto dagli anni precedenti al 2017/18 è già in una “nuova” scuola rispetto a quella in cui ha perso il posto.
Tale docente, come si sa, ogni anno e per 8 anni inoltra domanda di rientro con modalità online indicando la scuola in cui ha perso il posto, la tipologia di posto e poi tale scuola è inserita come prima preferenza nel modulo online affinché si continui a mantenere il diritto di rientro e la continuità acquisita.
Se però l’indicazione della prima preferenza è obbligatoria, e che riguarda l’ex scuola di titolarità (al fine di mantenere il diritto di rientro), di contro non è obbligatorio inserire altre preferenze (Infatti, in questo caso, se il docente non dovesse esprimere altre preferenze e non dovesse ottenere il rientro nella sua ex scuola rimarrebbe titolare nella scuola in cui ha già una nuova titolarità.

Conclusioni

Un docente è stato dichiarato perdente posto nel 2016/17 e l’1/9/2017 (a.s. 2017/18) è stato trasferito a domanda condizionata nella scuola X perché non si è liberato il posto nella propria scuola.
Entro aprile 2018 (a.s. 2017/18) tale docente ha prodotto domanda online per richiedere per la prima volta il rientro nella sua scuola di ex titolarità. Quest’ultima è stata indicata come prima preferenza. Il docente, però, oltre ad indicare la sua ex scuola ha espresso altre preferenze.
Non è stato soddisfatto nel rientro ma lo è stato in una delle altre scuole espresse in domanda nella quale è quindi arrivato l’1/9/2018.
In questo caso il docente è considerato a domanda volontaria e quindi ultimo arrivato.
Tale invece non è il docente indicato nell’esempio 1 perché arrivato trasferito d’ufficio nella nuova scuola al 1/9/2018.

L’articolo Graduatoria interna di istituto, chi deve stare all’ultimo posto sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Decreto scuola, emendamenti Bucalo (FdI): due anni e non tre per partecipare al concorso, sostegno anche per chi ha servizio ma non titolo

Commenti disabilitati su Decreto scuola, emendamenti Bucalo (FdI): due anni e non tre per partecipare al concorso, sostegno anche per chi ha servizio ma non titolo

Neoimmessi in ruolo, presa di servizio e incompatibilità. No altro lavoro al momento dell’assunzione

Commenti disabilitati su Neoimmessi in ruolo, presa di servizio e incompatibilità. No altro lavoro al momento dell’assunzione

Mobilità insegnanti 2020, come si compila domanda: guida Ministero per immagini per tutti i gradi

Commenti disabilitati su Mobilità insegnanti 2020, come si compila domanda: guida Ministero per immagini per tutti i gradi

Quella sorta di “liberi tutti” che preoccupa molti docenti. Lettera

Commenti disabilitati su Quella sorta di “liberi tutti” che preoccupa molti docenti. Lettera

Graduatorie provinciali al via, Azzolina conferma: lavoriamo senza sosta per settembre

Commenti disabilitati su Graduatorie provinciali al via, Azzolina conferma: lavoriamo senza sosta per settembre

A Nord, manca ancora il 60% dei supplenti. E’ emergenza, si punta ad incentivare migrazione docenti

Commenti disabilitati su A Nord, manca ancora il 60% dei supplenti. E’ emergenza, si punta ad incentivare migrazione docenti

Coronavirus, ultime novità: Scuole chiuse a Napoli. Azzolina: docenti non perdono stipendio. AGGIORNAMENTO

Commenti disabilitati su Coronavirus, ultime novità: Scuole chiuse a Napoli. Azzolina: docenti non perdono stipendio. AGGIORNAMENTO

Maturità, Bussetti: tracce prova Italiano pronte, ne ho aggiunta una ieri

Commenti disabilitati su Maturità, Bussetti: tracce prova Italiano pronte, ne ho aggiunta una ieri

Sgambato (PD): disuguaglianze vanno combattute a Scuola con azioni strutturali

Commenti disabilitati su Sgambato (PD): disuguaglianze vanno combattute a Scuola con azioni strutturali

Concorso straordinario secondaria, prova scritta: argomenti di studio per metodologie didattiche

Commenti disabilitati su Concorso straordinario secondaria, prova scritta: argomenti di studio per metodologie didattiche

Prove Invalsi, nel mese di maggio alla Primaria. Lo scadenzario

Commenti disabilitati su Prove Invalsi, nel mese di maggio alla Primaria. Lo scadenzario

Individuazione licei per percorsi Biologia con curvatura biomedica, integrazione elenco province

Commenti disabilitati su Individuazione licei per percorsi Biologia con curvatura biomedica, integrazione elenco province

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti