Google Calendar per la didattica: come creare eventi, gruppi e molto altro

Dopo aver parlato di Google documenti, Google forms, Classroom e Google Presentazioni, in questo articolo dedichiamo la nostra attenzione a Google Calendar. Semplice da utilizzare in qualsiasi contesto, anche questo applicativo si spende benissimo nella didattica, sia nell’ organizzazione interna alla scuola, che nelle classi virtuali o attività con i ragazzi della scuola primaria e secondaria di primo e secondo grado. Come tutti gli altri applicativi del pacchetto G Suite anche Calendar possiede una app scaricabile che permette un funzionamento veloce con smartphone e tablet.

Che cosa è Google Calendar

Google Calendar è un calendario on line in cui si pianificano velocemente gli eventi e che si integra facilmente con Gmail, Drive, Google Site e Hangouts. I calendari creati, uno o quelli che si desidera, possono essere condivisi in modo che le persone con cui è stata attivata la condivisione possano vedere tutti i dettagli dell’evento.

L’accesso, a partire da un account Google, può avvenire da computer, tablet o smartphone grazie alle App dedicate.

Calendario su web

Con Google Calendar si possono condividere eventi speciali o far sapere quando si è disponibili pubblicando il calendario in pochi e semplici passaggi.

E’ possibile eseguire facilmente la migrazione del calendario da Exchange Outlook o ICal oppure direttamente dai file pct e csv.

Con Google Calendar si possono prenotare con facilità le sale riunioni con informazioni dettagliate sulla capienza e condividere risorse.

Come creare un calendario di gruppo

Con Calendar un calendario di gruppo può essere davvero efficace.Tutti i membri dell’organizzazione potrebbero accedere ad eventi di qualsiasi genere o solo alcuni, impostando bene la condivisione.

Promemoria eventi

Google Calendar visualizza un promemoria pop-up “10 minuti” prima di un evento con la possibilità di modificare gli intervalli temporali dei promemoria andando nelle impostazioni .

App Google Calendar

Con l’app, Calendar è comodo anche da tablet e smartphone. In pochi istanti l’aggiunta di obiettivi personali, riunioni, eventi è velocissima, come anche i promemoria delle cose da fare, la prenotazione di voli, concerti e ristoranti. Si può inoltre visualizzare rapidamente gli eventi mensili settimanali e giornalieri.

Per cominciare

Per cominciare ad utilizzarlo è necessario aprire Google Calendar sul computer, on-line, possedendo un account google, privato, o facente parte di un dominio scolastico. Cliccando su accedi, nel menù a tendina è possibile visualizzare l’applicazione Google Calendar e aprirla direttamente.

Con quale browser funziona

Google Calendar funziona con le versioni attuali e con le principali versioni precedenti dei seguenti browser:

Google Google Chrome

Internet Explorer

Microsoft Edge

Icebox

Safari

Condividere il calendario con altri

Si può condividere il proprio calendario con parenti, amici o colleghi.

Il calendario può essere modificato da più persone o addirittura si può aggiungere un delegato che programmi e modifichi gli eventi. Ovviamente chi dispone dell’autorizzazione completa può rispondere agli inviti, creare, modificare eventi e condividere il calendario con altre persone quindi è necessario fare attenzione nel momento in cui si crea la condivisione. Si può condividere un calendario esistente, più calendari, con una persona specifica, attraverso l’indirizzo mail, o con un gruppo di utenti. L’importante è scegliere con cura le persone con cui si vuole condividere perché per tutti c’è la possibilità di modificare gli eventi.

La condivisione è un aspetto fondamentale degli applicativi G Suite, ma va sempre tenuto presente quello che abbiamo detto all’inizio, cioè impostare bene le modalità di condivisione in base all’uso che facciamo dell’applicativo.

Allo stesso modo, così come si può creare la condivisione, si può anche interrompere le modalità di condivisione. Calendar può diventare anche pubblico.Alcune modalità di condivisione dipendono dalla attivazione dell’amministratore della console.

Attraverso la condivisione è possibile:

  • apportare modifiche agli eventi;
  • vedere tutti i dettagli dell’evento;
  • vedere solo disponibile occupato.

Delegare l’accesso al calendario

Si può concedere ad altri l’autorizzazione ad usare il proprio calendario facendo ovviamente attenzione alle modalità di condivisione. Il delegato vedrà il calendario nella sezione “i miei calendari”.

Utilizzare Google Gruppi

Calendar offre anche la possibilità di condividere un calendario con un gruppo più ampio di persone e in questo caso è possibile aggiungere un gruppo di Google gruppi.

Calendar è disponibile a chiunque faccia parte dell’organizzazione G Suite, mentre le persone che non fanno parte dell’organizzazione non potranno vederlo, quindi se si invita qualcuno che non fa parte dell’organizzazione questi potrà soltanto visualizzare le informazioni.

Google Calendar è un ottimo strumento, versatile e funzionale che può essere utilizzato nelle aziende e nella scuola per programmare eventi o attività in maniera condivisa, in modo che tutti possano guardarli e apportare modifiche. Utile specialmente in Istituti con più plessi o con più ordini di scuola, dove può diventare veramente interessante per non sovrapporre incontri, eventi, feste e per organizzare al meglio tutte le attività in maniera trasparente.

Ecco il link per cominciare ad usarlo:

https://www.google.com/calendar

 

L’articolo Google Calendar per la didattica: come creare eventi, gruppi e molto altro sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

De Cristofaro: insegnamento è relazione va fatto con docenti e studenti

Commenti disabilitati su De Cristofaro: insegnamento è relazione va fatto con docenti e studenti

Iscrizioni a.s. 2020/21, adempimenti vaccinali: chi fa che cosa. Sanzioni

Commenti disabilitati su Iscrizioni a.s. 2020/21, adempimenti vaccinali: chi fa che cosa. Sanzioni

Pensione con meno di 15 anni di contributi: quali opportunità

Commenti disabilitati su Pensione con meno di 15 anni di contributi: quali opportunità

Graduatorie III fascia ATA: verifiche e controlli da parte della scuola capofila

Commenti disabilitati su Graduatorie III fascia ATA: verifiche e controlli da parte della scuola capofila

Classe di concorso A-66? Usa e getta. Lettera

Commenti disabilitati su Classe di concorso A-66? Usa e getta. Lettera

Chi farà pulizie nelle scuole dal 1° gennaio al 29 febbraio 2020? ANIP: 5.000 esuberi, ATA scavacati, incertezza su full time

Commenti disabilitati su Chi farà pulizie nelle scuole dal 1° gennaio al 29 febbraio 2020? ANIP: 5.000 esuberi, ATA scavacati, incertezza su full time

Lezioni di ginnastica a distanza anche per i colleghi: un rito perfetto, come il pranzo della domenica!

Commenti disabilitati su Lezioni di ginnastica a distanza anche per i colleghi: un rito perfetto, come il pranzo della domenica!

Ricostruzione di carriera, docenti precari e di ruolo svolgono stesse mansioni. Parere positivo Procuratore Generale della Cassazione

Commenti disabilitati su Ricostruzione di carriera, docenti precari e di ruolo svolgono stesse mansioni. Parere positivo Procuratore Generale della Cassazione

Espero, nuovi vertici al fondo pensione per il personale scolastico

Commenti disabilitati su Espero, nuovi vertici al fondo pensione per il personale scolastico

Il “Public Speaking” come competenza strategica per il futuro della Scuola

Commenti disabilitati su Il “Public Speaking” come competenza strategica per il futuro della Scuola

Giorno del ricordo, 10 febbraio: CNDDU propone a scuole di rinnovare memoria delle foibe

Commenti disabilitati su Giorno del ricordo, 10 febbraio: CNDDU propone a scuole di rinnovare memoria delle foibe

Supplenze: modello di delega docenti e Ata. FAQ

Commenti disabilitati su Supplenze: modello di delega docenti e Ata. FAQ

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti