Gli operatori educativi AEC/OEPAC sono in sciopero: martedì 10 maggio presidio in Campidoglio per dire basta sfruttamento. Gualtieri riapra il percorso di internalizzazione

Gli operatori educativi AEC/OEPAC martedì 10 saranno di nuovo in presidio al Campidoglio dalle ore 10:30, per avere risposte da una Giunta capitolina che fino a questo momento non sta dando soluzioni concrete contro il lavoro povero a cui è sottoposta la categoria.

Il servizio è appaltato e gestito dalle Coop. Sociali e agli operatori arriva una piccolissima parte dei soldi pubblici che il Comune di Roma versa nelle casse delle aziende.

Gli operatori percepiscono 7 euro nette l’ora, con sospensioni retributive in estate, per le chiusure straordinarie delle scuole e per le assenze dell’alunno che l’operatore segue.

Nel nuovo regolamento che da settembre introdurrà l’accreditamento non c’è nulla per gli AEC/OEPAC, figura fondamentale per l’inclusione dei discenti con disabilità ma la più sottopagata insieme ai lavoratori delle mense e del pulimento nelle scuole.

Ci vediamo domani in piazza per continuare la lunga lotta che lo scorso anno aveva portato a un inizio di reinternalizzazione del servizio, per dire basta agli appalti, per respingere la deprofessionalizzazione della figura dell’OEPAC. 

Le lavoratrici e lavoratori vogliono un servizio di qualità, vogliono un lavoro che gli permetta di vivere e non di sopravvivere, costretti a fare secondi e terzi lavori: il sindaco Gualtieri riapra il percorso di internalizzazione.

Basta appalti, basta sfruttati nella scuola!

 

USB Lavoro Privato Roma

Leggi Tutto

Fonte Rss Feed coopsociali.usb.it

Powered by WPeMatico

Facebook Comments
Vai alla barra degli strumenti