Stato giuridico e aumento degli stipendi: equiparare i docenti ai Funzionari della Pubblica Amministrazione. Lettera

Da diverso tempo politici, uomini di cultura e società civile, sostengono che i servizi educativi non vengono adeguatamente valorizzati, apprezzati e incentivati con retribuzioni adeguate.
Tuttavia, i docenti, spesso relegati in zone sempre più marginali, continuano, seguendo un imperativo etico, a rispondere con spirito di servizio e in modo sempre più attento e consapevole, alle numerose sfide che la complessità odierna pone, a soddisfare la domanda di educazione o di formazione che la società le rivolge.
Ciò, naturalmente, non può giustificare la cronica assenza di interventi legislativi a tutela di una professione, quella docente, sempre più denigrata, offesa, bistrattata e malpagata.
La possibilità di poter inaugurare con un certo ottimismo e una certa fiducia, l’ inizio di una nuova stagione educativa in cui ai docenti venga riconosciuto uno stato giuridico equiparato ai Funzionari della Pubblica Amministrazione provvisti di laurea, è un sogno, una possibilità e una realtà che non può essere preclusa.
Poiché ciascun docente, in qualità di cittadino responsabile, non può dare esempio di disimpegno nei confronti delle istituzioni e ha il dovere di partecipare, anche criticamente, al dibattito politico sulle scelte legislative, deve ricercare un approccio nuovo, serio e produttivo con le forze politiche (le petizioni hanno scarso valore giuridico), per fornire argomentazioni valide e restituire dignità e valore a chi, per vocazione e libera scelta professionale, quotidianamente, si adopera per il bene degli alunni, della scuola e, di conseguenza, della società.
Occorrono , in pratica, proposte che vadano oltre il dequalificante strumento della contrattazione sindacale (l’educazione non è merce di scambio) e puntino alla legittimazione di retribuzioni più coinvolgenti e stimolanti fondate sul diritto e non sulla concessione.
Bisogna avere l’onestà intellettuale e culturale di riconoscere che il lavoro dei docenti non è più lo stesso. Gli educatori , oggi, sono chiamati ad una impegnativa opera di servizio, lavorano per ridare serenità e speranza ad una società smarrita, per colmare vuoti familiari, per fornire protezione, attenzione e cure necessarie ad adolescenti sempre meno capaci di badare a se stessi ecc.. Ciò che l’alunno riceve va ben oltre la semplice prestazione professionale.
È doveroso, dunque, che uno Stato di diritto riconosca e assegni una adeguata funzione giuridico-economica ai professori, li renda più soddisfatti del proprio lavoro e dia loro la possibilità di innalzare il livello di speranza e di aspirazione.

L’articolo Stato giuridico e aumento degli stipendi: equiparare i docenti ai Funzionari della Pubblica Amministrazione. Lettera sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

https://www.orizzontescuola.it/giuridico-aumento-degli-stipendi-lettera/

Leggi Tutto

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

adminreal

Related Posts

Concorso a DS. Chiesto incontro su informativa prove orali

Commenti disabilitati su Concorso a DS. Chiesto incontro su informativa prove orali

Schermi in classe, fino al 13 dicembre il grande cinema in aula

Commenti disabilitati su Schermi in classe, fino al 13 dicembre il grande cinema in aula

Prosecuzione della malattia e diversa patologia: attenzione alle trattenute fino ai 10 giorni

Commenti disabilitati su Prosecuzione della malattia e diversa patologia: attenzione alle trattenute fino ai 10 giorni

Donazzan preoccupata: mancano 900 docenti, continuità didattica ignorata

Commenti disabilitati su Donazzan preoccupata: mancano 900 docenti, continuità didattica ignorata

Concorso ordinario secondaria: i posti saranno suddivisi tra le regioni. Quando si saprà numero per provincia

Commenti disabilitati su Concorso ordinario secondaria: i posti saranno suddivisi tra le regioni. Quando si saprà numero per provincia

Governo M5S-PD, si all’accordo da parte di iscritti a Rousseau. Cosa si prevede per la scuola

Commenti disabilitati su Governo M5S-PD, si all’accordo da parte di iscritti a Rousseau. Cosa si prevede per la scuola

Aumenti stipendiali. Nel 1991 abbiamo avuto 161mila lire in più, adesso ci danno la stessa cifra in euro. Lettera

Commenti disabilitati su Aumenti stipendiali. Nel 1991 abbiamo avuto 161mila lire in più, adesso ci danno la stessa cifra in euro. Lettera
Maturità 2020, <a href=#IlRipassone: sui social Ministero Istruzione un aiuto con lezioni, documentari, podcast" title="Maturità 2020, #IlRipassone: sui social Ministero Istruzione un aiuto con lezioni, documentari, podcast"/>

Maturità 2020, #IlRipassone: sui social Ministero Istruzione un aiuto con lezioni, documentari, podcast

Commenti disabilitati su Maturità 2020, #IlRipassone: sui social Ministero Istruzione un aiuto con lezioni, documentari, podcast

Immissioni in ruolo 2019, posti disponibili divisi per provincia: infanzia, primaria, secondaria I e II grado

Commenti disabilitati su Immissioni in ruolo 2019, posti disponibili divisi per provincia: infanzia, primaria, secondaria I e II grado

Pittoni (Lega): battaglia contro numero chiuso a Medicina unisce Emilia-Romagna e Calabria

Commenti disabilitati su Pittoni (Lega): battaglia contro numero chiuso a Medicina unisce Emilia-Romagna e Calabria

Supplenze, istituto di Lonigo (VI) ricerca docenti A042

Commenti disabilitati su Supplenze, istituto di Lonigo (VI) ricerca docenti A042

Decreto PAS e concorso straordinario, Bussetti: “Siamo ancora in tempo per sciogliere le riserve”

Commenti disabilitati su Decreto PAS e concorso straordinario, Bussetti: “Siamo ancora in tempo per sciogliere le riserve”

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti