Gissi (Cisl): obiettivo stabilità del lavoro, vale anche per docenti di religione

La legge parla chiaro, i posti attivati per l’insegnamento della religione cattolica devono essere coperti al 70% con personale di ruolo. A tal fine vanno banditi i concorsi, che invece non si fanno dal 2004. Da qui una situazione nella quale il personale con contratto a tempo indeterminato copre solo il 50% dei posti, il 20% in meno di quanto sarebbe stabilito per legge. Su questi dati si era espressa già l’anno scorso la Camera dei Deputati, con un ordine del giorno che definiva “grave e incresciosa” una situazione in cui prevale nettamente il lavoro precario, e impegnava il Governo ad attivare una procedura straordinaria di assunzione.

Stando così le cose, è davvero sorprendente l’affermazione del ministro Fioramonti, secondo cui non ci sarebbero ragioni per un intervento riguardante gli insegnanti IRC. Al contrario le ragioni ci sono, e anche urgenti, mentre non ce n’è nessuna per discriminazioni che sarebbero inspiegabili e inaccettabili. Lo ripeto, vale per i docenti di religione quello che chiediamo in via generale: procedure di reclutamento nelle quali sia anche previsto uno specifico riconoscimento per chi ha maturato un consistente bagaglio di lavoro precario. Si bandisca allora il concorso ordinario e si attivino contestualmente percorsi speciali per chi ha almeno trentasei mesi di servizio. Niente di più, niente di meno di ciò che prevedono le misure contenute nell’intesa per contrastare la precarietà e favorire la stabilità del lavoro. Si intervenga a tal fine con i necessari emendamenti in legge di bilancio.

L’articolo Gissi (Cisl): obiettivo stabilità del lavoro, vale anche per docenti di religione sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments
Vai alla barra degli strumenti