Gissi (CISL): non si mettano in caricatura le nostre proposte sul reclutamento

Soprattutto respingo come totalmente infondata l’accusa di fare proposte che non tengono conto della necessità di garantire la qualità professionale di chi viene assunto. Parto da questo aspetto, per ribattere e rilanciare così: ma perché quelli che si preoccupano così tanto della qualità, dando a credere che basti un concorso selettivo a garantirla, non battono ciglio di fronte a una realtà che vede ogni anno coprire con personale precario quasi il 20% dei posti che funzionano? Sono tutti incapaci, ma siccome forse costano un po’ meno possiamo anche chiudere un occhio su come lavorano? Magari per anni e anni? Ma siamo seri, per favore, e rispettosi delle persone di cui parliamo.

Noi non abbiamo alcuna obiezione sul fatto che si debbano bandire concorsi con regolarità, per dare a tutti e anche ai più giovani una chance di accesso al lavoro nella scuola. Crediamo che l’esperienza dimostri come questo non basti né a garantire la copertura del fabbisogno, né a eliminare la “supplentite”. Di lavoro precario, per come la scuola funziona (quella vera, non quella immaginata o teorizzata) ci sarà purtroppo sempre bisogno, l’importante è che vi si ricorra al minimo indispensabile, e che la precarietà del lavoro non duri in eterno. Credo che dopo tre anni di lavoro precario – perché di questo stiamo parlando – si possa parlare di un’esperienza acquisita e da valorizzare; abbiamo anche detto che il lavoro precario dovrebbe essere sostenuto da supporti di formazione in servizio, e niente impedisce di monitorarlo. Con queste premesse, la stabilizzazione non diventa più un privilegio, ma un atto di giustizia.

Quanto ai costi, non c’è dubbio che il precariato diffuso consente qualche economia, per il trattamento economico meno favorevole dei supplenti rispetto al personale di ruolo. Ora, a parte il fatto che si tratta di una disparità del tutto in contrasto con le direttive europee, che escludono discriminazioni legate alla tipologia dei contratti, ci chiediamo se partiti che per storia e cultura dovrebbero essere attenti al lavoro non dovrebbero concedersi un attimo di riflessione prima di sparare a zero sul presunto spreco di risorse che rappresenterebbe la stabilizzazione del lavoro precario. Giocando sull’equivoco per cui assumere i precari significherebbe aumentare i posti di lavoro. Non è così, non si tratta di questo, ma solo di rendere stabili posti di lavoro di cui comunque ogni anno (attualmente oltre 150.000!) la scuola ha bisogno per funzionare. Un preciso interesse anche della scuola, per migliorare l’efficacia e la qualità del servizio scolastico.

Spiace che questi temi siano oggi finiti nel tritatutto della campagna elettorale, con annesse polemiche interne alla maggioranza di governo. Noi ne parliamo non da oggi e non vediamo l’ora di poterne riparlare a elezioni svolte e a risultati acquisiti. Nel frattempo, non sappiamo se le aperture del ministro saranno sufficienti a dirottare sul suo schieramento valanghe di consensi: ma pure chi “qualche” consenso lo ha perduto anche per non aver dato a suo tempo il giusto ascolto al mondo della scuola, si chieda se lanciarsi in polemiche poco meditate, compresi attacchi sorprendenti al lavoro e agli accordi fatti dai sindacati, sia il modo migliore per recuperarne un po’.

L’articolo Gissi (CISL): non si mettano in caricatura le nostre proposte sul reclutamento sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Concorso sostegno per titoli e prova orale, UIL: bene, ma si faccia per tutti i precari

Commenti disabilitati su Concorso sostegno per titoli e prova orale, UIL: bene, ma si faccia per tutti i precari

Esame di Stato in presenza, Snals: Chi fornirà al personale attrezzature anticontagio? Quali effetti per spostamenti docenti da altre regioni?

Commenti disabilitati su Esame di Stato in presenza, Snals: Chi fornirà al personale attrezzature anticontagio? Quali effetti per spostamenti docenti da altre regioni?

Riapertura scuola, infettivologo Bassetti: aspettare come evolve la situazione a giugno e luglio, poi decidere

Commenti disabilitati su Riapertura scuola, infettivologo Bassetti: aspettare come evolve la situazione a giugno e luglio, poi decidere

Ti piace studiare? Risponde sì solo il 7% degli studenti, gli altri si annoiano a scuola

Commenti disabilitati su Ti piace studiare? Risponde sì solo il 7% degli studenti, gli altri si annoiano a scuola

Zorzi (PD): risparmi quota 100 per scuola a costo zero per famiglie con redditi meno bassi

Commenti disabilitati su Zorzi (PD): risparmi quota 100 per scuola a costo zero per famiglie con redditi meno bassi

Coronavirus e scuole chiuse, settimana prossima incentivi a genitori con figli a casa per congedo e babysitter

Commenti disabilitati su Coronavirus e scuole chiuse, settimana prossima incentivi a genitori con figli a casa per congedo e babysitter

Gilda: Maurizio Costanzo si scusi pubblicamente per offese. Affrontare argomento maltrattamenti con serietà

Commenti disabilitati su Gilda: Maurizio Costanzo si scusi pubblicamente per offese. Affrontare argomento maltrattamenti con serietà

Blocco mobilità cinque anni, docenti CNDA: delusione e disperazione per futuro incerto

Commenti disabilitati su Blocco mobilità cinque anni, docenti CNDA: delusione e disperazione per futuro incerto

Mobilità 2019/20, verifica punteggi: lettera notifica ed eventuale reclamo

Commenti disabilitati su Mobilità 2019/20, verifica punteggi: lettera notifica ed eventuale reclamo

Convegno “La Permeabilità epistemologica tra Matematica, Scienze e Filosofia”, iscrizioni entro il 21 gennaio

Commenti disabilitati su Convegno “La Permeabilità epistemologica tra Matematica, Scienze e Filosofia”, iscrizioni entro il 21 gennaio

Il Comune di Venezia seleziona tre docenti di scuola d’infanzia

Commenti disabilitati su Il Comune di Venezia seleziona tre docenti di scuola d’infanzia

Professione docente è usurante, non riconoscerlo è un “crimine” sociale. Sentenza

Commenti disabilitati su Professione docente è usurante, non riconoscerlo è un “crimine” sociale. Sentenza

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti