Gissi (CISL): ingiusta e sbagliata la sanzione all’insegnante di Palermo

Una decisione del tutto inopportuna che chiediamo sia immediatamente ritirata. Non è certo con il ricorso a misure di tipo censorio che si può aiutare a vedere anche i limiti e i rischi di superficialità di approcci e analisi che, se ritenuti discutibili, andrebbero appunto discussi e non fatti oggetto di provvedimento disciplinare.

Guai se passa anche solo l’idea che sia illegittimo esprimere preoccupazione per scelte politiche e provvedimenti di legge, oggetto ogni giorno di un serrato confronto di opinioni in cui non mancano certo manifestazioni, spesso anche molto autorevoli, di inquietudine per atteggiamenti riscontrabili in ambito interno e internazionale su temi che richiamano principi fondamentali di convivenza fra i popoli e le persone.
Compito della scuola non è certo quello di troncare e sopire le manifestazioni di pensiero degli alunni, casomai di aiutarli a esprimere in modo quanto più possibile corretto giudizi e opinioni, evitando approssimazioni, schematismi e banalizzazioni che sono oggi purtroppo pane quotidiano proprio nel dibattito politico.

Un dibattito che proprio per questo finisce per essere diseducativo, come lo è la pretesa di risolvere una situazione come questa infliggendo punizioni che di fatto intimano il silenzio, quando al contrario sarebbe indispensabile stimolare al massimo il confronto aperto e la discussione.

L’articolo Gissi (CISL): ingiusta e sbagliata la sanzione all’insegnante di Palermo sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Scuola, imparare dai propri errori: la ricetta in 5 mosse

Commenti disabilitati su Scuola, imparare dai propri errori: la ricetta in 5 mosse

Maturità 2019, modello documento del 15 maggio

Commenti disabilitati su Maturità 2019, modello documento del 15 maggio

ATA, graduatorie esaurite. Dove si chiama da terza fascia

Commenti disabilitati su ATA, graduatorie esaurite. Dove si chiama da terza fascia

Idonei TFA sostegno, le iniziative per sensibilizzare al problema

Commenti disabilitati su Idonei TFA sostegno, le iniziative per sensibilizzare al problema

Ed. civica, dopo il no del CSPI come possono collaborare scuola e famiglia

Commenti disabilitati su Ed. civica, dopo il no del CSPI come possono collaborare scuola e famiglia

La didattica in movimento, il modello DADA. Lettera

Commenti disabilitati su La didattica in movimento, il modello DADA. Lettera

Firma degli atti dopo gli scrutini effettuati in modalità a distanza: cosa prevedono le disposizioni ministeriali

Commenti disabilitati su Firma degli atti dopo gli scrutini effettuati in modalità a distanza: cosa prevedono le disposizioni ministeriali

Coronavirus, Azzolina a riunione ministri Ue. Su Esami di Stato 14 Paesi devono ancora decidere, 4 li hanno cancellati

Commenti disabilitati su Coronavirus, Azzolina a riunione ministri Ue. Su Esami di Stato 14 Paesi devono ancora decidere, 4 li hanno cancellati

Nove mosse per salvare la scuola. L’idea di Tettamanti (Agesc)

Commenti disabilitati su Nove mosse per salvare la scuola. L’idea di Tettamanti (Agesc)

Mobbing colleghi non esclude responsabilità gerarchica. Ma sono necessarie condotte ripetute nel tempo. Una sentenza

Commenti disabilitati su Mobbing colleghi non esclude responsabilità gerarchica. Ma sono necessarie condotte ripetute nel tempo. Una sentenza

Assegnazioni provvisorie docenti FIT 2018, presentazione domanda e ordine movimenti

Commenti disabilitati su Assegnazioni provvisorie docenti FIT 2018, presentazione domanda e ordine movimenti

Meno alunni per classe, Reberschegg (Gilda): le risorse ci sono

Commenti disabilitati su Meno alunni per classe, Reberschegg (Gilda): le risorse ci sono

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti