FUGA NELLE TENEBRE

Noi siamo cetre un poco sgangherate
Il vento quando passa sulle corde

Come catene sospese, risveglia dei versi
Dei rumori dissonanti.

Noi siamo antenne un poco singolari
Come dita si innalzano nel caos,

In cima ad esse echeggia l’infinito ma, ben presto,
cadranno giù, spezzate.

Noi siamo sensazioni un po’ disperse

leggi tutto

Leggi Tutto

Fonte

Powered by WPeMatico

Facebook Comments
Vai alla barra degli strumenti