Flat tax sulle ripetizioni private: differenze tra docenti e privati e quali insegnanti sono esclusi

Buongiorno, sono laureata in inglese, ma non esercito la professione di insegnante titolare di cattedra, in quanto ho un lavoro differente. Però, se volessi dare lezioni private di inglese, quale tassazione dovrebbe essere applicata ai guadagni? Sembrerebbe che solo chi è titolare di cattedra ha diritto di applicare la flat tax. Non mi sembra giusto. 
Grazie per la risposta“.
Abbiamo scelto di riportare questa testimonianza per dare voce ad una polemica condivisa da molti lettori che ci hanno scritto in merito alla flat tax per le ripetizioni.
Tuttavia al momento dobbiamo confermare che è proprio così: la flat tax sulle ripetizioni vale per le lezioni private date dagli insegnanti. Anzi, a ben vedere, neanche tutti.
Basandoci sulle disposizioni del testo della manovra, possono usufruire di questa opzione i docenti titolari di cattedra presso scuole di ogni ordine e grado. Dubbia la possibilità per i docenti degli istituti paritari. Sembrano invece da considerarsi esclusi gli insegnanti delle graduatorie di istituto, in quanto non sono titolari di cattedra. Analogo discorso per gli ex docenti in pensione.

Ricordiamo che la flat tax 2019 resta un’opzione per gli insegnanti e non un obbligo. Ai proventi da lezioni private sarà applicata un’imposta 15% sostitutiva di IRPEF e addizionali. L’alternativa alla tassa piatta resta la tassazione ordinaria, variabile in base al proprio scaglione di reddito Irpef. Per ulteriori approfondimenti rimandiamo alla circolare del direttore dell’Agenzia delle Entrate pubblicata lo scorso 10 aprile e contenente chiarimenti sulla flat tax al 15% per le ripetizioni e lezioni private.

L’articolo Flat tax sulle ripetizioni private: differenze tra docenti e privati e quali insegnanti sono esclusi sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

La famiglia? È nella scuola. Parola di pedagogiste

Commenti disabilitati su La famiglia? È nella scuola. Parola di pedagogiste

Settimana corta: migliora la didattica e la gestione della scuola. A dirlo il Tar, sentenza

Commenti disabilitati su Settimana corta: migliora la didattica e la gestione della scuola. A dirlo il Tar, sentenza

Il bonus, roba da figli e figliastri. Lettera

Commenti disabilitati su Il bonus, roba da figli e figliastri. Lettera

Didattica a distanza ed editoria, intervista a Vincenzo Calò (ANARPE)

Commenti disabilitati su Didattica a distanza ed editoria, intervista a Vincenzo Calò (ANARPE)

Graduatorie ad esaurimento, per quali motivi si può essere esclusi

Commenti disabilitati su Graduatorie ad esaurimento, per quali motivi si può essere esclusi

Perdente posto ATA e la sequenza delle operazioni mobilità 2020/21

Commenti disabilitati su Perdente posto ATA e la sequenza delle operazioni mobilità 2020/21

Trento, approvati due bandi per reclutare docenti

Commenti disabilitati su Trento, approvati due bandi per reclutare docenti

Esame di Stato online o in presenza? Proposta. Lettera

Commenti disabilitati su Esame di Stato online o in presenza? Proposta. Lettera

Coronavirus, Bonetti: rientro a scuola probabile con mascherine e guanti

Commenti disabilitati su Coronavirus, Bonetti: rientro a scuola probabile con mascherine e guanti

Il Comitato docenti disabili legge 68/99 a Montecitorio

Commenti disabilitati su Il Comitato docenti disabili legge 68/99 a Montecitorio

TFA sostegno IV ciclo, richiesta conclusione corso in modalità telematica

Commenti disabilitati su TFA sostegno IV ciclo, richiesta conclusione corso in modalità telematica

Dispersione scolastica implicita, 7% studenti consegue diploma ma non ha competenze base

Commenti disabilitati su Dispersione scolastica implicita, 7% studenti consegue diploma ma non ha competenze base

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti