Fioramonti quiz: come assumere 28mila prof sostegno dall’a.s. 2020/21? Lettera

Lettera

In un anno e sei mesi il ministro Lorenzo Fioramonti risolverebbe uno dei problemi più delicati della Scuola Pubblica della Repubblica Italiana: l’assunzione dei nuovi insegnanti Specializzati da destinare alla cura educativo-didattica degli alunni diversamente abili delle Scuole di ogni ordine e grado.

La road map appare chiarissima. In primis, è indispensabile evitare il doppione del concorso ultraselettivo col quale sono stati individuati i 14.000 nuovi docenti di Sostegno, caratterizzato da un risicato 10% di idonei rispetto al numero dei candidati. Subito dopo, concentrare le risorse umane e finanziarie sul nuovo percorso concorsuale di ammissione al nuovo Corso di Specializzazione di ulteriori 14.000 professori, da bandire per gennaio 2020, al fine di immettere in ruolo 28.000 docenti per l’inizio dell’anno scolastico 2020-21. Immissioni in ruolo che, naturalmente, dovranno tener conto dell’ordine di conseguimento della Specializzazione e dei punteggi individuali. Da ottobre-novembre 2020 si lavorerebbe per selezionare l’ultima (o penultima?) tranche di insegnanti di Sostegno da formare. In caso contrario, un pleonastico doppione di concorso (a cattedra) per quel 10% “straselezionato” in precedenza, risentirebbe delle difficoltà di trovare “presidenti-commissari-volontari” con i quali costituire le Commissioni, senza esonero dall’insegnamento e per un pugno di euro. Il procedimento, ancora una volta, si avviterebbe su se stesso e si andrebbe, come disse in Parlamento un politico colto, “alle candele greche”.

Plaudo al ministro Lorenzo Fioramonti che ha già individuato l’ineludibilità di un percorso formativo destinato ai nuovi aspiranti docenti. Il punto dirimente, anche in questa prospettiva innovativa, risulta la cancellazione dei doppioni, riconoscendo alle prove d’accesso ultraselettive di un istituendo “Biennio Formazione Docenti” la dignità di conditio sine qua non si possa partecipare a un “Concorso per Titoli”. Insegnare è una professione di altissimo valore culturale e sociale, da svolgere con “disciplina e onore”. Se c’è anche la passione, ben venga. Certamente, subito dopo l’approvazione della riduzione del numero massimo di alunni per classe contenuto nella Legge Azzolina, non è più rinviabile la ridefinizione della “Funzione docente”. Ma di questo ci occuperemo in un prossimo scritto.

L’articolo Fioramonti quiz: come assumere 28mila prof sostegno dall’a.s. 2020/21? Lettera sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments
Vai alla barra degli strumenti