Figli con sindrome di Down, piccoli e grandi, al tempo del coronavirus

Essere mamma di un bambino o di un adulto con sindrome di Down, ai tempi del coronavirus: cosa significa? Quali cambiamenti, quali fatiche, quali speranze? Lo raccontano in due video Maria con Giupy, il suo bimbo di 8 anni, e Maria Teresa con Gianni, il figlio che di anni ne ha 45 e che dopo avere lavorato a lungo in un supermercato, da due anni è disoccupato. «Il più bel regalo per la Festa della Mamma del 10 maggio – dice Maria Teresa – sarebbe avere una società inclusiva a cui un domani lasciare mio figlio»

Leggi Tutto

Fonte Superando.it

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

Stefano

Related Posts

Un anno vissuto insieme, tra gare, corsi ed altri eventi

Commenti disabilitati su Un anno vissuto insieme, tra gare, corsi ed altri eventi

Visione tattile di Giuseppe Capogrossi

Commenti disabilitati su Visione tattile di Giuseppe Capogrossi

Leggere i sogni attraverso i silenzi

Commenti disabilitati su Leggere i sogni attraverso i silenzi

Un programma di intervento personalizzato, rivolto a venti bambini e ragazzi

Commenti disabilitati su Un programma di intervento personalizzato, rivolto a venti bambini e ragazzi

Strumenti assicurativi e “Dopo di Noi”

Commenti disabilitati su Strumenti assicurativi e “Dopo di Noi”

Gravi cerebrolesioni acquisite: rispondere ai bisogni di migliaia di persone

Commenti disabilitati su Gravi cerebrolesioni acquisite: rispondere ai bisogni di migliaia di persone

Persone con disabilità in Lombardia: quale futuro?

Commenti disabilitati su Persone con disabilità in Lombardia: quale futuro?

Le persone con disabilità intellettiva al voto: una guida per loro

Commenti disabilitati su Le persone con disabilità intellettiva al voto: una guida per loro

Il valore e la centralità della persona oltre la diagnosi

Commenti disabilitati su Il valore e la centralità della persona oltre la diagnosi

Nuove opportunità per i giovani, ma doppiamente inaccessibili

Commenti disabilitati su Nuove opportunità per i giovani, ma doppiamente inaccessibili

Roma “città dell’attesa eterna”?

Commenti disabilitati su Roma “città dell’attesa eterna”?

“Nutri-RARE”, ovvero il cibo come medicina

Commenti disabilitati su “Nutri-RARE”, ovvero il cibo come medicina

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti