Fecondazione, embrioni formati senza contatto tra spermatozoo e ovulo

Fecondazione, embrioni formati senza contatto tra spermatozoo e ovulo

Commenti disabilitati su Fecondazione, embrioni formati senza contatto tra spermatozoo e ovulo

Fino a qualche anno fa l’ipotesi è che la partenogensi avrebbe riguardato anche la specie umana e che le donne avrebbero potuto fare a meno degli uomini per riprodursi. Oggi la ricerca invece ci informa che sono nati i primi topi da embrioni formati senza la necessità che spermatozoo e ovulo venissero a contatto.

Nell’esperimento, pubblicato sulla rivista Nature Communication, gli spermatozoi non hanno fecondato la cellula uovo ma bozze di embrioni. Il risultato è stato ottenuto nell’università britannica di Bath, dal gruppo coordinato dall’embriologo molecolare Tony Perry, e potrebbe aprire nuove strade per la cura della fertilità nell’uomo e per salvare dall’estinzione molte specie minacciate.

Gli autori della ricerca parlano di partenogenesi al maschile, cioè di embrioni ottenuti senza ovuli, ma secondo altri esperti non è proprio così: “Giocano un po’ con le parole ma in realtà, come loro stessi dichiarano, hanno usato ovociti per produrre dei partenoti, ossia cellule uovo indotte a svilupparsi come se fossero state fecondate”, ha detto all’Ansa Carlo Alberto Redi, direttore del Laboratorio di Biologia dello sviluppo dell’Università di Pavia.

Nell’esperimento il nucleo degli spermatozoi è stato trasferito nei partenoti. Questi ultimi, che possono essere utilizzati anche per produrre cellule staminali, contengono solo una serie di cromosomi, anziché le due serie che nascono dalla fusione dello spermatozoo e della cellula uovo. Contrariamente alle previsioni teoriche, gli spermatozoi trasferiti nei partenoti hanno generato embrioni dai quali sono nati cuccioli sani.

Per Redi, “è un buon lavoro” e un avanzamento della tecnica per riprodurre in laboratorio le prime fasi dello sviluppo embrionale. Inoltre, ha aggiunto, “è una dimostrazione che la riprogrammazione genetica può essere fatta anche impiegando cellule delle prime fasi embrionali”. Commentando il risultato, Paul Colville-Nash, del britannico Medical Reserch Council (Mrc), ha rilevato che “potrebbe aiutare a comprendere meglio come comincia la vita umana e i meccanismi che controllano la vitalità degli embrioni”. Più a lungo termine, invece, “potrebbe avere implicazioni per mettere a punto nuove cure per l’infertilità”. Le implicazioni secondo il genetista Giuseppe Novelli, rettore dell’università di Roma Tor Vergata, potrebbero riguardare piuttosto la comprensione di alcune malattie “come le malformazioni congenite legate ad alcune tecniche di fecondazione assistita”.

L’articolo su Nature

 

L’articolo Fecondazione, embrioni formati senza contatto tra spermatozoo e ovulo proviene da Il Fatto Quotidiano.

Facebook Comments

Giovanna Trinchella

Related Posts

Giornata mondiale Aids, in Europa un sieropositivo su 7 ignaro del contagio da Hiv. In Sudafrica test su nuovo vaccino

Commenti disabilitati su Giornata mondiale Aids, in Europa un sieropositivo su 7 ignaro del contagio da Hiv. In Sudafrica test su nuovo vaccino

Eclissi totale del Sole, il 21 agosto il disco nero incanterà gli Usa: come seguire l’evento astronomico dell’anno

Commenti disabilitati su Eclissi totale del Sole, il 21 agosto il disco nero incanterà gli Usa: come seguire l’evento astronomico dell’anno

Teletrasporto, Nature: “Per la prima volta un trasferimento di quanti attraverso fibre ottiche casalinghe”

Commenti disabilitati su Teletrasporto, Nature: “Per la prima volta un trasferimento di quanti attraverso fibre ottiche casalinghe”

Rosetta, missione compiuta. La sonda è atterrata sulla cometa 67P: “Ottenuti risultati unici, forse irripetibili”

Commenti disabilitati su Rosetta, missione compiuta. La sonda è atterrata sulla cometa 67P: “Ottenuti risultati unici, forse irripetibili”

Davide Vannoni arrestato, cosa ci insegna questa storia

Commenti disabilitati su Davide Vannoni arrestato, cosa ci insegna questa storia

Malattie rare, 350 milioni di pazienti. Comitato Onu perché sia una priorità globale

Commenti disabilitati su Malattie rare, 350 milioni di pazienti. Comitato Onu perché sia una priorità globale

Stress, “importante fattore di rischio infarto al pari di fumo e ipertensione”. Così cervello e cuore sono collegati

Commenti disabilitati su Stress, “importante fattore di rischio infarto al pari di fumo e ipertensione”. Così cervello e cuore sono collegati

Scoperti virus Frankenstein, identificate quattro nuove specie

Commenti disabilitati su Scoperti virus Frankenstein, identificate quattro nuove specie

Terremoto Centro Italia, controlli su dighe. Esperto: “Campotosto diverso da Vajont. Svuotarlo? Potrebbe essere rischioso”

Commenti disabilitati su Terremoto Centro Italia, controlli su dighe. Esperto: “Campotosto diverso da Vajont. Svuotarlo? Potrebbe essere rischioso”

Ricerca, “uno studio clinico su 5 in Europa è italiano ma la fuga di cervelli ci costa un miliardo di euro l’anno”

Commenti disabilitati su Ricerca, “uno studio clinico su 5 in Europa è italiano ma la fuga di cervelli ci costa un miliardo di euro l’anno”

Un sistema di pianeti non è una galassia: l’errore della Rai è spaziale

Commenti disabilitati su Un sistema di pianeti non è una galassia: l’errore della Rai è spaziale

Nobel per la Chimica a Dubochet, Frank e Henderson per la microscopia crioelettronica

Commenti disabilitati su Nobel per la Chimica a Dubochet, Frank e Henderson per la microscopia crioelettronica

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti