“Ero un’eccezione”

Egli, (Bill W.) mi disse, con gentilezza e semplicità: “Pensi di essere una di noi”?

ALCOHOLICS ANONYMOUS (3rd edition), pag. 413

 

Nella corso della mia vita di bevute ero convinta di rap­presentare un’eccezione. Pensavo di essere al di sopra di ogni meschino dovere e di avere il diritto di esserne scu­sata. Non mi accorgevo che l’oscuro rovescio della me­daglia del mio atteggiamento era una costante sensazione di non “appartenenza”. In un primo momento, in A.A., mi identificavo con gli altri soltanto come alcolista. Che splendido risveglio è stato per me rendermi conto che, se gli altri esseri umani stavano facendo del proprio meglio, potevo farlo anch’io! Tutti i dolori, le gioie e la confusio­ne che provano loro non sono eccezionali, ma fanno par­te anche della mia vita, proprio come di quella di chiun­que altro.

 

 

 

 

 

 

 

♦Citazione tratta da una storia contenuta nella sezione l nostri pio­nieri, della III edizione americana del Grande Libro, (n.d.t.)

Leggi Tutto

Fonte Riflessioni – Alcolisti Anonimi

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

daniela

Related Posts

Crescere

Commenti disabilitati su Crescere

Inventario quotidiano

Commenti disabilitati su Inventario quotidiano

La quiete dopo la tempesta

Commenti disabilitati su La quiete dopo la tempesta

Un miracolo A.A.

Commenti disabilitati su Un miracolo A.A.

Ascolta, condividi e prega

Commenti disabilitati su Ascolta, condividi e prega

Libertà dalla paura

Commenti disabilitati su Libertà dalla paura

Estirpare le erbacce

Commenti disabilitati su Estirpare le erbacce

“Un’autentica umiltà”

Commenti disabilitati su “Un’autentica umiltà”

Nessun rammarico

Commenti disabilitati su Nessun rammarico

Una sana e felice utilità

Commenti disabilitati su Una sana e felice utilità

Uno sguardo al passato

Commenti disabilitati su Uno sguardo al passato

Falso orgoglio

Commenti disabilitati su Falso orgoglio

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti