Ero “scomparso”

La domanda successiva che potremmo porci è: cosa intendiamo quando diciamo
col dire che abbiamo “fatto del male” agli altri? In sostanza, che specie di
“male” fa una persona a un’altra? Per definire in modo pratico il concetto “far
del male”, potremmo che esso è il risultato di istinti che si scontrano causando
alle persone danno fisico, mentale, emotivo e spirituale.

Dodici Passi e Dodici Tradizioni, pag. 116

Ero stato alle riunioni che riguardavano l’Ottavo Passo, pensando sempre: “In realt�
non ho fatto del male a tanta gente, ma soprattutto a me stesso”; poi venne il momento
in cui compilai la mio elenco e non era così corto come pensavo. O mi piacevi, o non mi
piacevi, o avevo bisogno di qualcosa da te – era tutto qui. Le persone non avevano fatto
ciò che volevo da loro, e le relazioni intime erano ingestibili per le richieste irragio-
nevoli dei miei partner. E i “peccati di omissione”? A causa del bere ero “scomparso’ non
spedivo mai cartoline, non richiamavo chi mi aveva cercato, non ero disponibile nei con-
fronti degli altri e non prendevo parte alle loro vite. Come è stato bello riconsiderare
queste relazioni, fare il mio inventario in pace, solo con Dio come io posso concepirLo,
e andare avanti giorno dopo giorno con la buona volontà di essere onesto e sincero nei
rapporti con gli altri.

Leggi Tutto

Fonte Riflessioni – Alcolisti Anonimi

Powered by WPeMatico

Facebook Comments
Vai alla barra degli strumenti