Epilessia, individuato un marcatore in grado di segnalare lo stato iniziale della malattia

Attraverso modelli matematici e potenti computer i ricercatori dell’Istituto Mario Negri di Milano hanno individuato per la prima volta nell’attività elettrica del cervello (misurata con elettroencefalogramma), un marcatore in grado di segnalare lo stato iniziale dell’epilessia. Lo hanno fatto grazie all’analisi matematica nota come Analisi Quantitativa delle Ricorrenze e all’uso delle potenti strutture di calcolo informatico chiamate Grid.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Scientific Reports, si è basato sull’analisi di dati precedentemente ottenuti da un gruppo di ricercatori italiani e israeliani. Questi avevano ottenuto un modello sperimentale che riproduceva nei topi ciò che accade nel cervello umano in seguito all’esposizione a fattori di rischio (tra cui ictus, traumi cerebrali, infezioni, esposizione ad agenti tossici) che possono portare all’insorgenza dell’epilessia.

Il marcatore individuato è un comportamento dell’attività elettrica cerebrale chiamato “intermittenza dinamica“, caratterizzato dall’alternanza tra “oscillazioni approssimativamente regolari e oscillazioni molto irregolari”, molto evidente nelle fasi in cui si sviluppa l’epilessia e riscontrabile negli elettroencefalogrammi già nelle prime 48-72 ore dopo l’esposizione ai fattori di rischio.

Cosa importante, è stato mostrato come la somministrazione di un farmaco sperimentale in grado di prevenire l’insorgenza dell’ epilessia negli animali da laboratorio, sia in grado di ridurre notevolmente questo comportamento dell’attività elettrica del cervello, dando così la prova di principio che questo marcatore potrebbe essere utilizzato come indicatore di un potenziale farmaco anti-epilettogeno per terapie ancora in fase di sviluppo e tuttora mancanti. “Grazie all’identificazione di questo marcatore precoce di epilettogenesi – sostiene Massimo Rizzi, del Dipartimento di Neuroscienze del Mario Negri – si potrà dare un impulso considerevole alla ricerca per la messa a punto di interventi terapeutici in grado di prevenire efficacemente l’insorgenza dell’epilessia nei soggetti a rischio”.

Lo studio su Nature

L’articolo Epilessia, individuato un marcatore in grado di segnalare lo stato iniziale della malattia proviene da Il Fatto Quotidiano.

Facebook Comments

F. Q.

Related Posts

San Lorenzo, arriva la notte delle stelle cadenti ma il picco non sarà il 10 agosto

Commenti disabilitati su San Lorenzo, arriva la notte delle stelle cadenti ma il picco non sarà il 10 agosto

Insonnia, “in gruppo di neuroni poco studiati la strada per future terapie”

Commenti disabilitati su Insonnia, “in gruppo di neuroni poco studiati la strada per future terapie”

Atrofia muscolare spinale: in arrivo primo farmaco per duecento pazienti gravi

Commenti disabilitati su Atrofia muscolare spinale: in arrivo primo farmaco per duecento pazienti gravi

Cari Renzi e prof. Burioni, la scienza è democratica

Commenti disabilitati su Cari Renzi e prof. Burioni, la scienza è democratica

Glioblastoma, ricreato in laboratorio il tumore per studiare un giorno cure personalizzate

Commenti disabilitati su Glioblastoma, ricreato in laboratorio il tumore per studiare un giorno cure personalizzate

Nature: “Ecco cosa potrebbe distruggere totalmente la vita sulla Terra”

Commenti disabilitati su Nature: “Ecco cosa potrebbe distruggere totalmente la vita sulla Terra”

Parma, non era facile per i colleghi di Fanelli accorgersi della frode

Commenti disabilitati su Parma, non era facile per i colleghi di Fanelli accorgersi della frode

La sonda Juno incontra Giove. Studierà il pianeta come mai si era fatto prima

Commenti disabilitati su La sonda Juno incontra Giove. Studierà il pianeta come mai si era fatto prima

Curare con l’omeopatia è un diritto, ma almeno sappia cosa sta facendo

Commenti disabilitati su Curare con l’omeopatia è un diritto, ma almeno sappia cosa sta facendo

In matematica si può dire “non esiste”

Commenti disabilitati su In matematica si può dire “non esiste”

Ricerca, “uno studio clinico su 5 in Europa è italiano ma la fuga di cervelli ci costa un miliardo di euro l’anno”

Commenti disabilitati su Ricerca, “uno studio clinico su 5 in Europa è italiano ma la fuga di cervelli ci costa un miliardo di euro l’anno”

Star Trek, la Nasa: “Il sistema solare da cui proviene Spock esiste davvero”

Commenti disabilitati su Star Trek, la Nasa: “Il sistema solare da cui proviene Spock esiste davvero”

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti