Elon Musk: “Con SpaceX invierò due turisti spaziali intorno alla Luna nel 2018”

Tre anni fa sognava di portare, un giorno, l’umanità su Marte, oggi Elon Musk, 45 anni, sudafricano che a 23 anni già rivoluzionava il settore delle transizione online, accelera sul turismo spaziale. Il miliardario visionario fondatore di Tesla e SpaceX invierà nello spazio, intorno alla Luna, due privati cittadini nel 2018.

I due turisti spaziali si faranno carico delle spese e hanno già lasciato un “deposito significativo”, afferma Musk senza scendere nel dettaglio sui costi. Sono “simili”, si limita a dire, a quelli di una missione con equipaggio all’International Space Station. I preparativi per i due, di cui non sono stati diffusi i nomi, inizieranno più avanti nel corso di quest’anno, con le visite mediche e l’addestramento necessario per un viaggio di una settimana nello spazio, per un totale fino a 682.000 chilometri da percorrere.

La missione ‘privata’ apre una nuova frontiera nel turismo spaziale e riaccende l’attenzione sulla Nasa. Alcuni osservatori mettono in evidenza i rischi a cui si espone Musk con l’accelerazione. Altri esperti invece ritengono l’annuncio tempestivo. Fra questi ultimi c’è Phil Larson, ex consigliere per le politiche dello spazio di Barack Obama. Con l’amministrazione Trump che deve decidere cosa fare della Nasa e del suo programma, l’annuncio di Musk “mostra che l’industria spaziale commerciale americana è pronta ad andare oltre l’orbita bassa della terra non in dieci anni ma ora” afferma Larson.

La missione di SpaceX nel 2018 potrebbe arrivare prima che la Nasa abbia una nuova chance di andare sulla Luna. La Nasa sta considerando la possibilità di accelerare lo sviluppo del Space Launch System e di Orion, valutando l’introduzione di astronauti nel primo lancio. Con Donald Trump alla Casa Bianca l’agenzia spaziale americana potrebbe muoversi più velocemente che in passato: il presidente ha infatti espresso il proprio appoggio a un programma spaziale più ambizioso, dicendosi pronto a “essere pronto a liberare i misteri dello spazio”. Fra SpaceX e la Nasa, che hanno un contratto che le lega, non c’è però alcuna competizione, mette in evidenza Musk. ”Siamo a favore di qualsiasi cosa favorisca l’esplorazione dello spazio. Quello che è importante e avanzare l’esplorazione e superare quanto raggiunto dal programma Apollo nel 1969, e avere un futuro nello spazio che possa ispirare”.

In una intervista al Fatto Quotidiano di tre anni fa Musk spiegava come ha fatto a disciplinare i suoi molteplici interessi e visioni: “Ho realizzato durante l’università che ci sono cinque aree fondamentali, che avranno il maggiore impatto sul futuro dell’umanità. Sono le energie rinnovabili, la vita multi-planetaria, Internet, riscrivere la genetica e l’intelligenza artificiale”. Sulle ultime due, però, non vuole intervenire (“Anche perché ritengo possibile che un domani l’intelligenza artificiale prenda il sopravvento. Il rischio c’è”).

L’articolo Elon Musk: “Con SpaceX invierò due turisti spaziali intorno alla Luna nel 2018” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Facebook Comments

F. Q.

Related Posts

Questa è la storia di Yasas, cingalese e milanese doc, da anni in attesa di diventare italiano

Commenti disabilitati su Questa è la storia di Yasas, cingalese e milanese doc, da anni in attesa di diventare italiano

Beirut, quelle tonnellate di grano attorno alle macerie: la rinascita della città-ponte tra Occidente e Medio Oriente

Commenti disabilitati su Beirut, quelle tonnellate di grano attorno alle macerie: la rinascita della città-ponte tra Occidente e Medio Oriente

Cosa succede quando un virus muta?

Commenti disabilitati su Cosa succede quando un virus muta?

Alzheimer, tracciata la firma genetica: “Ecco perché la malattia inizia e si diffonde sempre allo stesso modo”

Commenti disabilitati su Alzheimer, tracciata la firma genetica: “Ecco perché la malattia inizia e si diffonde sempre allo stesso modo”

Myanmar, Rohingya, “I fallimenti dell’Onu”: nei campi profughi 128 mila musulmani e 720 mila sono fuggiti in Bangladesh

Commenti disabilitati su Myanmar, Rohingya, “I fallimenti dell’Onu”: nei campi profughi 128 mila musulmani e 720 mila sono fuggiti in Bangladesh

Comunicato della redazione

Commenti disabilitati su Comunicato della redazione

Quelli che ancora soffrono

Commenti disabilitati su Quelli che ancora soffrono

Via libera al cioccolato, può far bene (ma solo se non si esagera)

Commenti disabilitati su Via libera al cioccolato, può far bene (ma solo se non si esagera)

Servono davvero tutte queste app sulla salute?

Commenti disabilitati su Servono davvero tutte queste app sulla salute?

Bolivia, tra focolai di tensione sociale e fenomeni diffusi di infanzia abbandonata

Commenti disabilitati su Bolivia, tra focolai di tensione sociale e fenomeni diffusi di infanzia abbandonata

“Con la fede e con le opere”

Commenti disabilitati su “Con la fede e con le opere”

Lavoratori stranieri del settore agricolo: “Non si abbia paura della legalità”. Ancora troppi esclusi tra colf e badanti

Commenti disabilitati su Lavoratori stranieri del settore agricolo: “Non si abbia paura della legalità”. Ancora troppi esclusi tra colf e badanti

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti